Il Marchio di Orologi CARDI Vostok: Una Collaborazione tra Design e Meccanica Russa

Il Marchio di Orologi CARDI Vostok: Una Collaborazione tra Design e Meccanica Russa

Introduzione

Il marchio di orologi CARDI Vostok rappresenta una collaborazione unica tra il design occidentale e la precisione meccanica russa. Nato all’inizio degli anni ’90, questo marchio ha saputo distinguersi per i suoi design particolari e l’uso di movimenti di alta qualità prodotti dalla famosa fabbrica di orologi Vostok.

Origini e Storia

La storia di CARDI Vostok inizia nel 1991, subito dopo il crollo dell’Unione Sovietica. Il nome “Cardi” deriva dall’abbreviazione di “Car Design Studio,” un’azienda russa specializzata nella personalizzazione di automobili. Nel tentativo di diversificare le proprie attività, Cardi ha iniziato a collaborare con la fabbrica di orologi Vostok per produrre orologi con un’estetica più “occidentale”​ (WatchUSeek Watch Forums)​​ (WatchUSeek Watch Forums)​.

Fondata negli anni ’90, subito dopo la dissoluzione dell’Unione Sovietica, Car Design Studio (abbreviato in Cardi) inizialmente si concentrava sulla personalizzazione di automobili sovietiche e straniere. La loro attività principale consisteva nel miglioramento estetico e funzionale delle automobili, rendendole più attraenti per un mercato che stava rapidamente cambiando e occidentalizzandosi.

I primi modelli di CARDI Vostok erano noti per il loro design innovativo e l’uso di materiali come l’ottone e leghe economiche, prodotti principalmente dalla Fabbrica di Orologi di Minsk. Questi orologi erano considerati di alta qualità, ma nel tempo la qualità dei materiali è diminuita, portando il marchio a perdere popolarità e a cessare la produzione intorno al 2009​ (Sovietaly)​.

Design e Movimenti

I modelli CARDI Vostok combinano il design creativo di Cardi con i robusti movimenti meccanici Vostok. I design erano spesso ispirati al mondo automobilistico, con nomi come “Capitan,” “MVM Sport,” “GP,” “Racing Time,” e “Radar”​ (WatchUSeek Watch Forums)​.

cardi vostok russian watch
Cardi Vostok Racingtime GP

Gli orologi utilizzavano movimenti meccanici di alta qualità, come il calibro 2409 prodotto dalla fabbrica Vostok. Alcuni modelli successivi hanno utilizzato movimenti della 1a Fabbrica di Orologi di Mosca (Poljot) e della fabbrica Slava, oltre a quelli originali Vostok. Tuttavia, dopo l’acquisizione da parte di Interex-Orion nel 2000, il marchio ha iniziato a utilizzare movimenti cinesi per ridurre i costi, cosa che ha ulteriormente impattato sulla qualità complessiva degli orologi​ (WatchCrunch)​​ (WatchUSeek Watch Forums)​.

russian watch Cardi Vostok Chronoscope MVM Sport
Cardi Vostok Chronoscope MVM Sport

Declino e Fine della Produzione

Nonostante l’iniziale successo, vari fattori hanno portato al declino del marchio. La qualità dei materiali utilizzati è diminuita nel tempo e l’introduzione di movimenti cinesi ha compromesso la reputazione di qualità del marchio. Questi cambiamenti hanno portato a una diminuzione delle vendite e, infine, alla cessazione della produzione intorno al 2009. Oggi, Cardi si è ritirata dal mercato degli orologi e si è concentrata nuovamente sul design automobilistico​ (Sovietaly)​​ (WatchUSeek Watch Forums)​.

Conclusione

Gli orologi CARDI Vostok rappresentano un interessante capitolo nella storia dell’orologeria russa, caratterizzato da un mix di design occidentale e meccanica russa. Sebbene la produzione sia cessata, questi orologi rimangono oggetti da collezione per gli appassionati di orologi vintage e rappresentano un’epoca di transizione e innovazione.

Per ulteriori informazioni, puoi consultare le fonti utilizzate in questo articolo: WatchCrunch, WatchUSeek, Sovietaly, e SovietWatchStore.

“Il maestro e Margherita”

“Il maestro e Margherita”

Il maestro e Margherita” è un capolavoro della letteratura russa scritto da Michail Bulgakov, considerato uno dei più grandi romanzi del XX secolo. Pubblicato postumo nel 1967, il libro è una potente satira della società sovietica e una riflessione profonda sulla libertà individuale, la fede e la giustizia. La narrazione innovativa e complessa di Bulgakov intreccia diversi piani temporali e spaziali, creando un mosaico ricco di significati e simbolismi.
La storia principale è ambientata nella Mosca degli anni ’30, sotto il regime stalinista, e si intreccia con eventi ambientati a Gerusalemme ai tempi di Ponzio Pilato. La narrazione segue l’arrivo del diavolo, Woland, e del suo seguito di strani personaggi nella Mosca contemporanea. La loro presenza sconvolge la vita dei cittadini moscoviti, rivelando le contraddizioni e le ipocrisie della società sovietica attraverso una serie di eventi bizzarri e grotteschi.
Parallelamente, il romanzo racconta la storia d’amore tra il Maestro, uno scrittore perseguitato dal regime, e Margherita, la sua devota amante. La passione e la dedizione di Margherita la portano a fare un patto con il diavolo per riunirsi con il Maestro, accettando di diventare una strega e partecipare al ballo di Satana. Questa storia d’amore rappresenta un filo conduttore attraverso il quale Bulgakov esplora temi universali come la libertà, la redenzione e il potere dell’amore.

Uno degli aspetti più affascinanti del libro è la rappresentazione di Woland, il diavolo. Lungi dall’essere un semplice antagonista, Woland è un personaggio complesso, filosofico e spesso ironico, che offre una critica acuta alla corruzione e all’ipocrisia della società sovietica. Attraverso Woland e il suo seguito, Bulgakov esplora la dualità della natura umana e le contraddizioni della vita sotto un regime totalitario.

La prosa di Bulgakov è ricca di dettagli vividi e simbolismi, che rendono la lettura un’esperienza immersiva e stimolante. La combinazione di realismo e fantastico è gestita con maestria, creando una narrazione che è al contempo comica e tragica. L’abilità di Bulgakov nel mescolare questi elementi rende “Il maestro e Margherita” un’opera unica nel suo genere, capace di offrire nuove scoperte a ogni rilettura.

Riassunto di “Il maestro e Margherita”

Parte Prima: L’Arrivo di Woland

Il romanzo si apre in una calda sera di primavera a Mosca, con un incontro fatale tra due letterati sovietici, Berlioz e Bezdomny, e un misterioso straniero di nome Woland. Durante una conversazione sul balcone dello stagno Patriaršie, Woland, che si rivela essere Satana, predice la morte di Berlioz. Poco dopo, Berlioz muore tragicamente, decapitato da un tram. Questo evento innesca una serie di avvenimenti surreali che sconvolgono Mosca.

Woland e il suo seguito, composto da Korov’ev, Behemoth (un gatto nero parlante), Azazello e Hella, iniziano a seminare il caos nella città. Organizzano uno spettacolo di magia nera al Teatro Varieté, durante il quale smascherano l’avidità e la corruzione dei moscoviti. Le loro azioni sono una satira tagliente del regime sovietico e delle sue istituzioni, mostrando le contraddizioni e l’ipocrisia della società.

Bezdomny, dopo aver assistito alla morte di Berlioz e agli strani avvenimenti che ne seguono, tenta di avvertire la polizia, ma finisce in un manicomio. Qui incontra il Maestro, un uomo misterioso che racconta la sua tragica storia. Il Maestro è uno scrittore che ha scritto un romanzo su Ponzio Pilato, ma è stato perseguitato dal regime e internato in un ospedale psichiatrico.

Parte Seconda: Il Ballo di Satana e Margherita

La seconda parte del romanzo si concentra su Margherita, l’amante del Maestro. Disperata per la separazione dal suo amato, Margherita accetta l’offerta di Woland di diventare una strega. Trasformata in una strega, Margherita vola su Mosca e partecipa al ballo di Satana, una cerimonia surreale e decadente che vede la partecipazione di personaggi storici e mitologici.

Durante il ballo, Margherita dimostra il suo coraggio e la sua dedizione al Maestro, guadagnandosi la benevolenza di Woland. Grazie all’intervento di Woland, Margherita riesce a ritrovare il Maestro e a liberarlo dal manicomio. Insieme, i due amanti ottengono la pace eterna in una dimensione metafisica, libera dalle sofferenze terrene.

Parte Terza: La Storia di Ponzio Pilato

Parallelamente alla narrazione principale, il romanzo racconta la storia di Ponzio Pilato, il procuratore romano di Gerusalemme, e il suo incontro con Jeshua Ha-Notsri (Gesù). Questa parte del romanzo offre una riflessione profonda sulla colpa, il potere e la responsabilità morale. Pilato è tormentato dalla sua decisione di condannare Jeshua a morte, un atto che lo perseguiterà per il resto della sua vita.

La storia di Pilato è narrata con grande intensità e realismo, e serve come contrappunto alla narrazione fantastica degli eventi di Mosca. Attraverso il personaggio di Pilato, Bulgakov esplora temi universali come la giustizia, il rimorso e la redenzione, aggiungendo profondità e complessità al romanzo.

Temi e Simbolismi

“Il maestro e Margherita” è ricco di temi e simbolismi che ne fanno un’opera di grande valore letterario. Uno dei temi principali è la critica al regime totalitario sovietico e alla sua oppressione della libertà individuale. Attraverso la satira e il grottesco, Bulgakov denuncia la corruzione, l’avidità e l’ipocrisia della società sovietica.

Un altro tema centrale è la dualità della natura umana. Woland, il diavolo, non è un semplice antagonista malvagio, ma un personaggio complesso che mette in luce le contraddizioni dell’animo umano. La sua presenza a Mosca funge da catalizzatore per rivelare la vera natura delle persone, mostrando come il bene e il male coesistano in ogni individuo.

La storia d’amore tra il Maestro e Margherita è un altro elemento cruciale del romanzo. La loro relazione rappresenta un simbolo di resistenza e speranza in un mondo oppresso e ingiusto. Margherita, in particolare, incarna il potere dell’amore e della dedizione, capace di superare qualsiasi ostacolo e di sfidare persino il diavolo.

La figura di Ponzio Pilato aggiunge una dimensione storica e filosofica al romanzo. La sua lotta interiore e il suo tormento per aver condannato Jeshua riflettono le questioni morali e le dilemmi etici che attraversano tutta l’opera. Pilato rappresenta il conflitto tra il dovere e la coscienza, tra il potere e la giustizia.

Conclusione

“Il maestro e Margherita” è un’opera poliedrica e affascinante, che combina satira, filosofia, realismo e fantastico. La narrazione complessa e i temi profondi la rendono un libro di grande valore letterario, capace di offrire nuove scoperte a ogni rilettura. La prosa di Bulgakov è ricca di dettagli vividi e simbolismi, creando un’esperienza di lettura immersiva e stimolante.

Il romanzo non è solo una critica del regime sovietico, ma anche una riflessione universale sulla natura umana e le sue contraddizioni. La storia d’amore tra il Maestro e Margherita, la figura enigmatica di Woland e la vicenda di Ponzio Pilato si intrecciano in un mosaico narrativo che esplora temi come la libertà, la giustizia, la fede e la redenzione.

“Il maestro e Margherita” è un libro che sfida il lettore a riflettere sulle proprie convinzioni e sui dilemmi morali della vita. È un’opera che trascende il tempo e lo spazio, rimanendo rilevante e potente anche a decenni dalla sua pubblicazione. Michail Bulgakov ha creato un capolavoro che continuerà a ispirare e affascinare generazioni di lettori.

Analisi dei Personaggi Principali

Woland

Woland, il diavolo, è uno dei personaggi più complessi e affascinanti del romanzo. Lungi dall’essere un semplice simbolo del male, Woland è un osservatore filosofico della natura umana. La sua presenza a Mosca mette in luce le contraddizioni e le ipocrisie della società sovietica, ma anche la capacità di redenzione e trasformazione degli individui. Woland è un giudice enigmatico, che punisce i malvagi e premia i giusti, sfidando le convenzioni morali e sociali.

Margherita

Margherita è l’incarnazione dell’amore e della dedizione. La sua trasformazione in strega e la partecipazione al ballo di Satana mostrano il suo coraggio e la sua determinazione a ritrovare il Maestro. Margherita rappresenta la forza dell’amore che supera ogni ostacolo e sfida le forze del male. La sua storia è un simbolo di resistenza e speranza in un mondo dominato dall’ingiustizia.

Il Maestro

Il Maestro è un personaggio tragico, perseguitato dal regime sovietico per il suo romanzo su Ponzio Pilato. La sua lotta per la libertà artistica e la verità è al centro della narrazione. Il Maestro rappresenta l’artista oppresso che cerca di esprimere la sua visione del mondo nonostante la censura e la persecuzione. La sua storia d’amore con Margherita è una testimonianza del potere redentore dell’amore e della dedizione.

Ponzio Pilato

Ponzio Pilato è un personaggio storico che aggiunge una dimensione filosofica al romanzo. La sua lotta interiore e il suo tormento per aver condannato Jeshua a morte riflettono i dilemmi morali che attraversano tutta l’opera. Pilato rappresenta il conflitto tra il dovere e la coscienza, tra il potere e la giustizia. La sua vicenda è un potente commento sulla responsabilità e la colpa.

Simbolismi e Temi

“Il maestro e Margherita” è ricco di simbolismi e temi che ne fanno un’opera di grande profondità e complessità. Tra i simboli più significativi troviamo:

  • Il Diavolo (Woland): rappresenta la dualità della natura umana e la capacità di giudizio morale. Woland non è semplicemente malvagio, ma un giudice enigmatico che mette in luce le contraddizioni della società e dell’individuo.
  • Il Ballo di Satana: simbolo della decadenza e della corruzione della società sovietica, ma anche della possibilità di redenzione attraverso la lotta e il coraggio individuale.
  • La Storia di Ponzio Pilato: rappresenta i dilemmi morali e le questioni etiche che attraversano tutta l’opera. Pilato è un simbolo del conflitto tra il potere e la giustizia, tra il dovere e la coscienza.
  • L’Amore tra il Maestro e Margherita: simbolo di resistenza e speranza in un mondo oppresso e ingiusto. La loro storia d’amore rappresenta il potere dell’amore e della dedizione di superare ogni ostacolo.

Conclusioni Finali

“Il maestro e Margherita” di Michail Bulgakov è un’opera straordinaria che combina satira, filosofia, realismo e fantastico in una narrazione complessa e avvincente. Il romanzo esplora temi universali come la libertà, la giustizia, la fede e la redenzione, offrendo una critica acuta al regime sovietico e una riflessione profonda sulla natura umana.

La prosa di Bulgakov è ricca di dettagli vividi e simbolismi, creando un’esperienza di lettura immersiva e stimolante. La combinazione di realismo e fantastico è gestita con maestria, rendendo “Il maestro e Margherita” un’opera unica nel suo genere.

I personaggi complessi e affascinanti, come Woland, Margherita, il Maestro e Ponzio Pilato, aggiungono profondità e ricchezza alla narrazione. Ogni personaggio rappresenta un aspetto diverso della natura umana e della società, contribuendo a creare un mosaico narrativo ricco di significati e interpretazioni.

“Il maestro e Margherita” è un libro che sfida il lettore a riflettere sulle proprie convinzioni e sui dilemmi morali della vita. È un’opera che trascende il tempo e lo spazio, rimanendo rilevante e potente anche a decenni dalla sua pubblicazione. Michail Bulgakov ha creato un capolavoro che continuerà a ispirare e affascinare generazioni di lettori, rendendolo un classico intramontabile della letteratura mondiale.

Raketa Carelia: 100 Anni di Storia Automobilistica

Raketa Carelia: 100 Anni di Storia Automobilistica

Un Gioiello di Storia e Meccanica

L’orologio raffigurato nella foto è un modello Raketa, calibro 2609 HA con 19 rubini. Questo esemplare specifico, numero di modello 4321xxx, è stato prodotto negli anni ’90 e celebra il centenario del trasporto automobilistico nella regione di Carelia, in Russia.

russian watch Raketa 100 years of transport in republic of Karelia
Raketa 100 years of transport in republic of Karelia

Dettagli del Quadrante

Il quadrante dell’orologio è ricco di simbolismi e commemorazioni:

  • Veicoli Storici e Moderni: In alto, possiamo notare due illustrazioni di veicoli: a sinistra un’automobile d’epoca e a destra una vettura moderna. Questi veicoli rappresentano l’evoluzione del trasporto automobilistico nel corso di un secolo.
  • Scritta Circolare: La scritta rossa che circonda il quadrante recita “КАРЕЛИЯ 100 ЛЕТ АВТОМОБИЛЬНОМУ ТРАНСПОРТУ”, che si traduce in “Carelia, 100 anni di trasporto automobilistico”. Questo sottolinea la celebrazione del centenario.
  • Logo e Anni: Al centro del quadrante, un logo blu e rosso con la scritta “100” enfatizza l’importanza dell’anniversario.

Significato Storico

L’orologio è stato creato per celebrare un importante traguardo nella storia della regione di Carelia, evidenziando l’importanza del trasporto automobilistico nello sviluppo economico e sociale della zona. La commemorazione di 100 anni di trasporto automobilistico riflette il progresso tecnologico e infrastrutturale che ha avuto luogo dal momento dell’introduzione delle prime automobili fino ai giorni nostri.

Il Marchio Raketa

Raketa, uno dei marchi di orologi più rinomati della Russia, ha una lunga storia di produzione di orologi robusti e affidabili. Il calibro 2609 HA utilizzato in questo modello è noto per la sua precisione e durabilità, rendendo l’orologio non solo un pezzo commemorativo ma anche un oggetto di alta qualità tecnica.

La Regione di Carelia

Carelia è una regione storica situata nel nord-ovest della Russia, conosciuta per i suoi paesaggi naturali mozzafiato e la sua ricca storia culturale. Ecco alcuni punti salienti sulla Carelia:

  • Geografia e Natura: La Carelia è caratterizzata da una vasta quantità di laghi e foreste, rendendola una destinazione popolare per gli amanti della natura. Il lago Ladoga, il più grande d’Europa, si trova parzialmente in Carelia.
  • Storia e Cultura: La regione ha una storia complessa e affascinante, essendo stata contesa tra Svezia, Russia e Finlandia nel corso dei secoli. Questo ha portato a un ricco mix culturale e influenze diverse nella lingua, nella musica e nelle tradizioni locali.
  • Economia: Oltre al turismo, la Carelia ha un’economia basata sull’industria del legname, della pesca e delle risorse naturali. Negli ultimi decenni, il trasporto automobilistico ha giocato un ruolo chiave nello sviluppo economico della regione, facilitando il commercio e la mobilità.

Conclusione

Questo orologio Raketa non è solo un dispositivo per misurare il tempo, ma anche un pezzo di storia che celebra un secolo di progresso nel trasporto automobilistico in Carelia. Con il suo design distintivo e i dettagli significativi, rappresenta un omaggio duraturo all’evoluzione e all’importanza del trasporto automobilistico nella regione.

La Filiale Francese di SLAVA a Besançon: Un Capitolo Affascinante nell’Orologeria Sovietica

La Filiale Francese di SLAVA a Besançon: Un Capitolo Affascinante nell’Orologeria Sovietica

Introduzione

La storia dell’orologeria sovietica è arricchita da episodi affascinanti di cooperazione internazionale. Un esempio significativo è la filiale francese di SLAVA, situata a Besançon. Questa sede, aperta per facilitare le attività industriali sovietiche in Occidente, ha svolto un ruolo cruciale nella produzione di orologi di alta qualità.

Origini e Contesto Storico

Besançon, conosciuta per la sua lunga tradizione orologiera, ospitava la sede di SLAVA al numero 7 di rue Auguste Jouchoux, proprio vicino alla famosa azienda Lip. La scelta di questa località non fu casuale: la città non solo aveva una forte tradizione nel settore, ma anche legami storici con l’URSS. Infatti, le collaborazioni tra Lip e i sovietici negli anni ’30 avevano gettato le basi per la rinascita dell’orologeria sovietica nel dopoguerra.

Produzione e Innovazione

La filiale francese di SLAVA iniziò la produzione di casse placcate in oro già alla fine degli anni ’60. Questa strategia permetteva ai sovietici di sfruttare le competenze locali per creare prodotti di alta qualità destinati al mercato europeo. La fabbrica produceva e commercializzava anche diversi modelli del marchio Raketa. Il quadrante di questi orologi sovietico-bizontini riportava la dicitura « механизм cccp » (« meccanismo URSS »), distinguendosi così da quelli prodotti in URSS.

Il catalogo forniture SLAVA Besançon, probabilmente datato fine anni ’60, elenca ricambi per movimenti Chaika, Zaria, Slava, Molnia e Poljot. Questo documento è una testimonianza preziosa della diversificazione e della qualità della produzione SLAVA in Francia.

Espansione e Sviluppo

Slava Besançon aveva anche depositato i marchi Diamant, Diamant de Luxe, e Saintis, sotto i quali commercializzava orologi interamente fabbricati in URSS. Inizialmente, Slava si stabilì in place Saint-Pierre, sede della S.I.C.E.H., poi in place du Jura. La prima fabbrica fu installata in rue Henri Baigue, ma nel 1975 Slava si fece costruire una nuova fabbrica in rue Auguste Jouchoux. Il parco industriale porta ancora oggi il nome di Slava.

All’inizio degli anni ’80, la fabbrica impiegava 70 persone per l’assemblaggio, il controllo e il servizio post-vendita. I movimenti meccanici sovietici furono progressivamente sostituiti da movimenti al quarzo, tutti provenienti dalla società France-Ébauches. La società avrebbe anche commercializzato, negli ultimi anni dell’URSS, i modelli Big Zero e Rising Sun, classici marchiati “Made in USSR”. Non è chiaro se questi orologi fossero importati, assemblati a partire da pezzi sovietici o assemblati con un meccanismo sovietico e una cassa bizontina.

Cambiamenti e Declino

Nel 1983, il consiglio di amministrazione sovietico (i rappresentanti del Mashpriborintorg) di Slava si separò prima dal suo direttore bizontino, Bernard Le Varlet, poi da Maurice Carruzzo qualche mese più tardi. Licenziato per “ragioni tecniche”, Maurice Carruzzo distribuì volantini tramite sua moglie all’apertura delle porte dell’azienda, il 16 agosto.

Una possibile spiegazione è che avesse avvicinato Slava a Lip e a France-Ebauches, approvvigionandosi lì di meccanismi al quarzo e creando così orologi 100% francesi, il che probabilmente non era nell’interesse dei sovietici.

Slava Precision: Nuove Direzioni

Il 15 gennaio 1990, fu fondata la società anonima Slava-Précision che riprese gli attivi di Slava. Era diretta da M. Aubach, già attivo nell’industria para-orologiera (società Interstrap e Watch Design), con il presidente del Consiglio di sorveglianza russo, M. Korolev. La società continuò le sue attività orologiere nello stesso edificio di rue Jouchoux, importando dalla Russia e da Hong Kong, ed esportando verso Canada, Svizzera e Italia, trasferendo però le sue attività ottiche nella regione parigina.

Slava Précision impiegava ancora 24 persone nel 2004, ma fu messa in liquidazione giudiziaria il 12 giugno 2006 (procedura chiusa nel 2009).

Unione di Competenza e Tradizione

Gli orologi assemblati a Besançon utilizzavano movimenti prodotti in URSS, ad esempio il movimento 2602 della 2MChZ o il Raketa 2409. Questi orologi portavano la dicitura “RUSSIAN MOVEMENT” sui quadranti, testimoniando l’origine sovietica dei loro componenti. Questa produzione permetteva di evitare i vincoli commerciali che avrebbero reso problematico l’uso del marchio “Made in USSR” in Europa.

Conclusione

La filiale SLAVA di Besançon rappresenta un esempio affascinante di cooperazione industriale tra l’URSS e l’Europa occidentale. Questa storia non solo arricchisce la narrazione dell’orologeria sovietica, ma dimostra anche come l’unione di competenze diverse possa portare alla creazione di prodotti eccezionali.

Guida ai Calibri degli Orologi Sovietici

Guida ai Calibri degli Orologi Sovietici

Gli appassionati di orologeria sovietica trovano nei calibri un elemento fondamentale per comprendere la varietà e la complessità dei movimenti degli orologi prodotti in URSS. In questo articolo, esploreremo il sistema di indicizzazione dei calibri e le principali caratteristiche di design che li contraddistinguono.

Cos’è il Calibro?

Il calibro di un orologio si riferisce alle dimensioni del movimento meccanico al suo interno, espresso in millimetri. Nel caso degli orologi sovietici, le dimensioni del calibro è indicato dalle prime due o tre cifre di un codice numerico che rappresenta il movimento. Questo sistema insieme alle cifre che lo compongono permette di identificare facilmente le caratteristiche tecniche di un orologio.

Vostok 2414A
Vostok 2414A Rannft (C)

Sistema di Indicizzazione dei Calibri

Gli orologi sovietici utilizzano un codice numerico composto da quattro, cinque o sei cifre. Le prime due o tre cifre rappresentano il calibro del movimento, mentre le restanti cifre indicano specifiche caratteristiche di design.

Codice NumericoPrime 2 o 3 cifre (Calibro del Movimento)Restanti cifre (Specifiche di Design)
ABCDABCD
ABCDEABCDE
ABCDEFABCDEF

Ecco una breve spiegazione per ogni colonna:

  • Codice Numerico: Il codice completo a quattro, cinque o sei lettere.
  • Prime 2 o 3 cifre: Le prime due o tre lettere del codice numerico. –> Calibro del Movimento: La parte del codice che indica il calibro del movimento.
  • Restanti cifre: Le lettere rimanenti del codice. –> Specifiche di Design: La parte del codice che descrive le specifiche di design.

Esempio di Codice

Prendiamo come esempio il codice “2209” del famoso orologio Vostok:

  • 22: Indica un calibro da 22 mm.
  • 09: Indica che l’orologio ha una lancetta centrale dei secondi e un dispositivo antiurto.
soviet watch Vostok
Vostok

Standard Industriali

Secondo lo standard industriale (OH6 – 126 – 62), le fabbriche di orologi sovietiche hanno prodotto calibri di diverse dimensioni, dai 16 ai 40 millimetri per gli orologi da uomo e calibri ridotti come 13, 15, 17 mm per gli orologi da donna.

Caratteristiche dei Calibri

Di seguito, una lista delle principali caratteristiche associate ai codici numerici degli orologi sovietici:

NumeroDescrizione
00senza usato dei secondi
01con dispositivo antiurto senza lancetta dei secondi
02Secondi laterali
03con dispositivo antiurto e lancetta dei secondi
04con calendario e secondi laterali
05con calendario, secondi laterali e ammortizzatore
06con ora digitale
07con un disco al posto di una lancetta dei secondi e un dispositivo antiurto
08Secondi centrali
09con dispositivo antiurto e lancetta centrale dei secondi
10antimagnetico con dispositivo antiurto e lancetta centrale dei secondi
11con quadrante illuminato, dispositivo antiurto e secondi centrali
12con dispositivo di segnalazione, con dispositivo antiurto e lancetta centrale dei secondi
13con calendario e secondi centrali
14con calendario, dispositivo antiurto e lancetta centrale dei secondi
15secondi automatici, antiurto e centrali
16con calendario, ammortizzatore, carica automatica e lancetta centrale dei secondi
17con cronometro a una lancetta, cronometro centrale, lancetta dei secondi laterale dell’ora corrente e lancetta dei minuti
18con estensione del riposo di un secondo, secondi centrali e ammortizzatore
19con calendario, dispositivo antiurto e senza lancetta dei secondi
20carica automatica, antiurto e senza secondi
21carica automatica, calendario, antiurto e secondi
22con disco che sostituisce la lancetta delle ore, dispositivo antiurto e senza lancetta dei secondi
23con lancetta dell’orologio che compie un giro ogni 24 ore, dispositivo antiurto e lancetta dei secondi centrale
24con lancetta dell’orologio che compie un giro ogni 24 ore, un dispositivo antiurto, una lancetta centrale dei secondi e un calendario
25con indicatore orario di zona, calendario, lancetta centrale dei secondi e ammortizzatore
26con limite di tempo, calendario, secondi centrali, ammortizzatore e automatico
27con doppio calendario (data, giorno della settimana), carica automatica, secondi centrali e ammortizzatore
28con doppio calendario (data, giorno della settimana), lancetta centrale dei secondi e dispositivo antiurto
29con doppio calendario (data, giorno della settimana), con dispositivo antiurto e senza lancetta dei secondi
30con doppio calendario (data, giorno della settimana), con dispositivo ammortizzante, carica automatica e senza lancetta dei secondi
31con secondi centrali, asse del bilanciere antiurto, doppio calendario con data del mese istantanea e giorno lento, carica automatica con cuscinetti a sfera e dispositivo di segnalazione
36bilanciamento a contatto elettrico con alimentazione a batteria, lancetta centrale dei secondi, dispositivo antiurto, durata da 6 mesi a due anni
37con regolatore a diapason, da polso, con lancetta dei secondi centrale, alimentato a batteria
38sveglia con regolatore elettronico-meccanico, con grilletto non libero, freccia di segnalazione centrale, su pietre rubino, con campanello elettrico di piccole dimensioni, alimentato a batteria
39sveglia con regolatore elettronico-meccanico, scappamento a perno libero, che si combina in un’unica unità estraibile, su pietre rubino, con freccia di segnalazione centrale, campanello elettrico di piccole dimensioni e alimentazione a batteria
40sveglia con regolatore a diapason e alimentazione DC, tempo di funzionamento di almeno 12 mesi
41sveglia con regolatore a diapason su transistor, con calendario, alimentazione da sorgente DC, tempo di funzionamento di almeno 13 mesi
42sveglia con regolatore a diapason e alimentazione da fonte DC, il tempo di funzionamento è di almeno 12 mesi, il segnale è azionato da un motore a molla
43sveglia con regolatore elettronico-meccanico, scappamento a perno libero, che si abbina in un’unica unità estraibile, su pietre di rubino, con freccia di segnalazione centrale, campanello elettrico di piccole dimensioni, con meccanismo di accensione di una campana elettrica di breve durata non superiore a 40 secondi e alimentato da una batteria
45polsini elettronico-meccanici, con dispositivo antiurto e lancetta dei secondi centrale, alimentati a batteria
71sveglia su pietre di rubino, bilanciere con scappamento, ago di segnalazione centrale, dispositivo di segnalazione acustica, con una molla di colpo e colpo nei tamburi. La frequenza dell’impianto è di un giorno
72su pietre di rubino, pietre di equilibrio con scappamento, lancetta di segnale centrale, dispositivo di segnalazione sonora, con colpo e molla di percussione nei tamburi. La frequenza di avvolgimento è di un giorno, con una melodia musicale preliminare
73Sveglia su quattro pietre di rubino, bilanciere con scappamento a perno libero, ago di segnalazione centrale e dispositivo di segnalazione acustica. Molle senza tamburi. La frequenza dell’impianto è di un giorno
74Cfr. punto 73, con calendario
75V. 73, 74, con un segnale preliminare
76sveglia su pietre di rubino, bilanciere con scappamento, ago di segnalazione centrale, dispositivo di segnalazione acustica, con molla per far scorrere e percuotere i tamburi. La frequenza di avvolgimento è di una settimana, la corsa e il segnale sono avvolti separatamente
77sveglia su pietre di rubino, bilanciere con scappamento, ago di segnalazione centrale, dispositivo di segnalazione acustica, con una molla di colpo e di colpo nei tamburi. La frequenza di avvolgimento è di una settimana, la corsa e il segnale sono avvolti separatamente
78sveglia su pietre rubino, bilanciere con scappamento, ago di segnalazione centrale, dispositivo musicale e segnale luminoso. Molla di traslazione nel tamburo, frequenza di carica – un giorno
79sveglia su pietre rubino, bilanciere con scappamento, ago di segnalazione centrale, segnalatore acustico. Molla di corsa e percussione in un unico tamburo
80sveglia su pietre di rubino, bilanciere con scappamento a perno libero, ago di segnalazione centrale, segnalatore acustico. Molla di corsa e percussione in un unico tamburo
100pendolo a parete con motore kettlebell, scappamento a gancio inverso, senza dispositivi aggiuntivi, frequenza di carica – un giorno
101pendolo a parete con motore kettlebell, grilletto alternativo, con trasmissione di movimenti oscillatori al quadrante, frequenza di carica – un giorno
102pendolo a parete con motore kettlebell, scappamento a gancio inverso, con calendario settimanale, frequenza di carica – un giorno
103pendolo a parete con motore kettlebell, scappamento a gancio inverso, con un intervallo di suoneria di un’ora e mezz’ora, la frequenza di carica è di un giorno
104pendolo a parete con motore kettlebell, scappamento a gancio inverso, con suoneria di un’ora e mezza ora e cucù, la frequenza di carica è di un giorno
105su quattro pietre di rubino, pietre del bilanciere con scappamento a perno libero, senza dispositivi aggiuntivi. Molla senza tamburo, frequenza di carica – un giorno
106su quattro pietre di rubino, bilancieri con scappamento a perno libero, con lancetta dei secondi laterale e freno del bilanciere. Molla senza tamburo, frequenza di carica – un giorno
107su quattro pietre di rubino, pietre di bilanciere con scappamento a perno libero, con un dispositivo di segnalazione secondo un programma dato. Frequenza di avvolgimento – per un dato programma entro un’ora
108su quattro pietre di rubino, pietre di bilanciere con scappamento a perno libero, con un dispositivo di segnalazione secondo un programma dato. Periodicità di avvolgimento – per un dato programma in un giorno
109pendolo con motore a kettlebell, scappamento a gancio rovescio, con cuculo, segnale ogni ora e mezz’ora. La frequenza dell’impianto è di un giorno
121Pendolo, grilletto alternativo, senza dispositivi aggiuntivi. La molla è senza botte, la frequenza di carica è di una settimana
122Su pietre rubino, pietre di equilibrio con scappamento ad ancora attaccato. La molla è senza tamburo, senza dispositivi aggiuntivi. La frequenza dell’impianto è di una settimana
123Su pietre di rubino, bilanciere con scappamento attaccato, con lancetta dei secondi centrale, senza interruzione, molla senza bariletto. La frequenza dell’impianto è di una settimana
124Sulle pietre di rubino, le pietre del bilanciere con uno scappamento ad ancora attaccato, con un rintocco ogni ora. Molla senza bariletto, intervallo di carica di una settimana
125Vedi 124, con un rintocco, frequenza ogni ora e mezz’ora
126su pietre di rubino, con scappamento annesso, con un triplo calendario (data, giorno della settimana, mese). La molla è senza barile, la frequenza di avvolgimento è di una settimana.
127Sulle pietre di rubino, le pietre del bilanciere con scappamento ad ancora, senza dispositivi supplementari. Molla nel tamburo, frequenza di carica una settimana
128Su pietre di rubino, pietre del bilanciere con scappamento, lancetta dei secondi centrale, senza combattimento. Molla nel tamburo, frequenza di carica una settimana
129Sulle pietre di rubino, bilanciere con scappamento annesso, senza lancetta dei secondi, con un rintocco ogni ora e mezz’ora. Molla nel tamburo, frequenza di carica una settimana
130pendolo con motore a kettlebell, scappamento a gancio alternativo, con rintocco ogni ora e un quarto d’ora. La frequenza dell’impianto è di una settimana
131pendolo con motore a molla, scappamento a gancio rovescio, con rintocco ogni ora e un quarto d’ora. La frequenza dell’impianto è di una settimana
132Sulle pietre di rubino, le pietre del bilanciere con scappamento, con lancetta dei secondi centrale, con un calendario di date, giorni della settimana, mese e fase lunare. Molla nel tamburo, frequenza di carica una settimana
133V. 132, senza la seconda mano
134Sulle pietre di rubino, le pietre di equilibrio con uno scappamento ad ancora, senza combattimento, con un calendario. Molla nel tamburo, frequenza di carica una settimana
135pendolo con scappamento, senza dispositivi aggiuntivi. Primavera nel tamburo, frequenza di carica – una settimana
136pendolo con motore a molla, scappamento a gancio rovescio, con rintocco ogni ora e mezz’ora. Molle nei tamburi, frequenza di carica una settimana
137Sulle pietre di rubino, le pietre di equilibrio con scappamento ad ancora, con un rintocco ogni ora e un quarto d’ora. Molle nei tamburi, frequenza di carica una settimana
151pendolo con scappamento a gancio alternativo, con rintocco ogni ora e mezz’ora. Molle nei tamburi, frequenza di avvolgimento – due settimane.
152pendolo con scappamento a gancio alternativo, con rintocco ogni ora e un quarto d’ora. Molle nei tamburi, frequenza di avvolgimento – due settimane.
153è un pendolo con un motore kettlebell, un grilletto alternativo, con un campanello ogni ora e un quarto d’ora, la frequenza di avvolgimento è di due settimane.
154Sulle pietre di rubino, pietre del bilanciere con uno scappamento ad ancora attaccato, senza dispositivi aggiuntivi. Molla senza tamburo, frequenza di carica – due settimane
155Sulle pietre di rubino, pietre del bilanciere con scappamento ad ancora attaccato, senza dispositivi supplementari. Molla nel tamburo, frequenza di carica – due settimane
156Sulle pietre di rubino, le pietre del bilanciere con scappamento attaccato, con una lancetta dei secondi laterale, senza combattimento. Molla nel tamburo, frequenza di carica – due settimane
157Sulle pietre di rubino, le pietre del bilanciere con scappamento attaccato, con una lancetta dei secondi laterale, con un calendario dei giorni della settimana, senza combattimento. Molla nel tamburo, frequenza di carica – due settimane
158Sulle pietre di rubino, le pietre del bilanciere con scappamento annesso, senza lancetta dei secondi, con un rintocco ogni ora e mezz’ora. Colpo e colpi di molle nei tamburi, frequenza di carica – due settimane
159Sulle pietre di rubino, pietre del bilanciere con scappamento attaccato, con lancetta dei secondi centrale, senza combattimento. Molla nel tamburo, frequenza di carica – due settimane
160Sulle pietre di rubino, bilanciere con scappamento annesso, senza lancetta dei secondi, con un rintocco ogni ora e un quarto d’ora. Colpo e colpi di molle nei tamburi, frequenza di carica – due settimane
161Sulle pietre rubino, le pietre del bilanciere con scappamento attaccato, con un disco invece di una lancetta dei secondi. Molla nel tamburo, frequenza di carica – due settimane
162Su pietre di rubino, pietre di equilibrio con scappamento attaccato, con una melodia. Molle nei tamburi, frequenza di carica – due settimane
163Pendolo con scappamento a strappo e a gancio, con melodia. Molle nei tamburi, frequenza di carica – due settimane
164Sulle pietre di rubino, le pietre del bilanciere con uno scappamento attaccato, senza lancetta dei secondi, con un calendario dei giorni della settimana, senza combattimento. Molla nel tamburo, frequenza di carica – due settimane
165Su pietre di rubino, pietre del bilanciere con scappamento annesso, senza lancetta dei secondi, con un triplo calendario (data, giorno della settimana, mese), senza combattimento. Molla nel tamburo, frequenza di carica – due settimane
181scappamento elettromeccanico, bilanciere, lancetta dei secondi centrale, a batteria
182torri del bilanciere con scappamento annesso, lancetta centrale dei secondi e carica di rete. Molla nel tamburo
183su pietre di rubino, bilanciere con scappamento annesso, avvolgimento da un motore elettrico in miniatura, alimentato da una batteria da 4 V, con un calendario. La durata del lavoro è di almeno quattro mesi. Molla nel tamburo
184v. 183, senza calendario
185con regolatore elettronico-meccanico su transistor, con magnete sul bilanciere, bilancia con asse posto verticalmente, su quattro pietre, alimentato da una batteria. Almeno un anno di durata della batteria prima della sostituzione della batteria
186su pietre rubino, elettrico, con regolatore elettronico-meccanico e scappamento a perno libero, combinato in un’unica unità estraibile, alimentata a batteria. La durata del lavoro è di almeno un anno
189su pietre di rubino, con regolatore elettronico-meccanico e scappamento a perno libero, combinati in un’unica unità estraibile, alimentata da una batteria. Con un calendario istantaneo (data e giorno della settimana). La durata del lavoro è di almeno un anno
190su pietre di rubino, con regolatore elettronico-meccanico e scappamento a perno libero, combinati in un’unica unità estraibile, alimentata da una batteria. Con una lotta ogni ora, mezz’ora, un quarto d’ora. La durata del lavoro è di almeno un anno
191su pietre di rubino, con regolatore elettronico-meccanico e scappamento a perno libero, combinati in un’unica unità estraibile, alimentata a batteria. Con una melodia musicale suonata ogni ora. Almeno un anno di autonomia prima di sostituire la batteria
192su pietre di rubino, con regolatore elettronico-meccanico e scappamento a perno libero, combinati in un’unica unità rimovibile, alimentata da una batteria al nichel-cadmio ricaricata da una batteria solare

Punti in comune

Possiamo identificare alcuni elementi ricorrenti presenti nelle descrizioni dei dispositivi. Ecco un’analisi che mette in evidenza questi elementi chiave:

  1. Dispositivo antiurto:
    • Presente nelle voci: 01, 03, 05, 07, 09, 10, 11, 12, 14, 15, 19, 20, 21, 22, 23, 24, 28, 29, 36, 45.
  2. Calendario:
    • Presente nelle voci: 04, 05, 13, 14, 16, 19, 21, 24, 25, 26, 27, 28, 29, 30, 31, 41, 74, 75, 132, 133, 134, 165, 183, 189.
  3. Secondi centrali:
    • Presente nelle voci: 08, 09, 10, 11, 12, 13, 14, 15, 16, 18, 23, 24, 25, 26, 27, 28, 31, 36, 37, 45, 123, 128, 132, 159, 181, 182.
  4. Carica automatica:
    • Presente nelle voci: 16, 20, 21, 26, 27, 30.
  5. Sveglia:
    • Presente nelle voci: 38, 39, 40, 41, 42, 43, 71, 72, 73, 74, 75, 76, 77, 78, 79, 80.
  6. Bilanciere con scappamento:
    • Presente nelle voci: 71, 72, 73, 74, 75, 76, 77, 78, 79, 80, 105, 106, 107, 108, 122, 123, 124, 125, 126, 127, 128, 129, 132, 133, 134, 135, 136, 137, 154, 155, 156, 157, 158, 159, 160, 161, 162, 164, 165.
  7. Frequenza di carica:
    • La frequenza di carica viene spesso menzionata, variando da un giorno a due settimane.
  8. Alimentazione a batteria:
    • Presente nelle voci: 36, 37, 38, 39, 40, 41, 42, 43, 45, 181, 185, 186, 189, 190, 191, 192.
  9. Dispositivi di segnalazione:
    • Presenti in varie voci con segnalazioni acustiche, luminose o meccanismi di allarme (es. 12, 18, 31, 41, 78, 79, 80, 107, 108, 126, 132, 137, 163, 190, 191).
  10. Pietre di rubino:
    • Utilizzate in molti modelli (es. 38, 39, 40, 41, 42, 43, 71, 72, 73, 74, 75, 76, 77, 78, 79, 80, 105, 106, 107, 108, 122, 123, 124, 125, 126, 127, 128, 129, 132, 133, 134, 135, 136, 137, 154, 155, 156, 157, 158, 159, 160, 161, 162, 164, 165, 183, 184, 186, 189, 190, 191, 192).

Questi punti comuni mostrano le caratteristiche ricorrenti tra le descrizioni dei vari dispositivi la tabella sicuramente riporta delle indicazioni incomplete a causa delle descrizioni incomplete.

VoceDispositivo antiurtoCalendarioSecondi centraliCarica automaticaSvegliaBilanciere con scappamentoFrequenza di caricaAlimentazione a batteriaDispositivi di segnalazionePietre di rubino
00
01
02
03
04
05
06
07
08
09
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
36
37
38
39
40
41
42
43
45
71
72
73
74
75
76
77
78
79
80
100
101
102
103
104
105
106
107
108
109
121
122
123
124
125
126
127
128
129
130
131
132
133
134
135
136
137
151
152
153
154
155
156
157
158
159
160
161
162
163
164
165
181
182
183
184
185
186
189
190
191
1

L’URSS conquista il secondo posto nell’export di orologi: la Svizzera trema

L’URSS conquista il secondo posto nell’export di orologi: la Svizzera trema

La concorrenza sovietica, con i suoi prezzi bassi, fa tremare l’industria elvetica.

1967: il mercato globale degli orologi vive un momento di grande fermento. La Svizzera, da sempre leader indiscussa nel settore, si trova ad affrontare una nuova e agguerrita concorrente: l’Unione Sovietica.

Articolo di giornale del 29 luglio 1966 sull'URSS che raggiunge il secondo posto mondiale nell'esportazione di orologi.

Un’ascesa fulminea

Mentre la Svizzera nel 1966 esportava 62,5 milioni di orologi, l’Unione Sovietica ne totalizzava già 16,5 milioni, piazzandosi al secondo posto dietro i maestri elvetici e davanti a Giappone e Stati Uniti.

Il segreto del successo sovietico? I prezzi imbattibili.

Grazie a generosi sussidi statali, gli orologi sovietici, pur vantando una buona qualità, venivano offerti a prezzi decisamente inferiori rispetto a quelli svizzeri. Una strategia che ha permesso all’industria orologiera sovietica di conquistare quote di mercato sempre più ampie, soprattutto nei paesi in via di sviluppo.

La Svizzera reagisce

Preoccupata per questa crescente minaccia, l’industria orologiaria svizzera ha avviato un programma di riorganizzazione interna. L’obiettivo? Migliorare l’efficienza e la produttività per ridurre i costi e contrastare l’offensiva sovietica.

Sfide e opportunità nel mercato globale

L’articolo, tratto da La Stampa del 30 luglio 1967, offre una fotografia interessante di un mercato globale in rapida evoluzione. La concorrenza tra Svizzera e Unione Sovietica rappresenta un esempio emblematico delle sfide e delle opportunità che le aziende devono affrontare per rimanere competitive in un mondo sempre più interconnesso.

Il Vostok Desert Shield: Un Orologio Ricco di Leggende e Storia

Il Vostok Desert Shield: Un Orologio Ricco di Leggende e Storia

Tra gli orologi russi, il Vostok Desert Shield si distingue come un eroe di numerose leggende urbane, malintesi, storie e aneddoti fittizi. Di seguito, esploriamo la storia e le varie versioni di questo iconico orologio.

Origini e Creazione

Il giornale americano Beverly Times menziona la nascita del Vostok Desert Shield il 28 gennaio 1991. L’articolo, probabilmente un editoriale pubblicitario, mette in luce Bruce Erikson, un uomo d’affari americano che aveva l’idea di importare orologi “Made in the USSR” negli Stati Uniti. Erikson fondò la Timepeace Russian Watches Inc. nel 1990, commissionando alla fabbrica Vostok di Chistopol la produzione di 10.000 orologi per commemorare l’operazione “Desert Shield” durante la Guerra del Golfo.

Il Flag Research Centre lavorò sull’immagine del quadrante, creando il famoso design che univa la bandiera americana con una palma e due sciabole arabe verdi, in omaggio al Regno di Hejaz e al Sultanato di Nejd, uniti nel 1932 per diventare l’Arabia Saudita. Erikson aveva anche l’intenzione di inviare un orologio al presidente Bush. Questi orologi non erano destinati ai soldati americani in servizio durante la Guerra del Golfo; l’intera iniziativa era puramente commerciale.

Dettagli di Produzione e Varie Versioni

Sembra che la produzione effettiva sia aumentata a 40.000 unità, suddivise in diverse serie che vale la pena distinguere e analizzare.

Prima Serie

Il Desert Shield della prima serie si riconosce per l’assenza del logo Vostok B sul quadrante, con l’iscrizione “Made in USSR”. La cassa è la 420 Amphibian, combinata con una lunetta con un punto luminoso alle 12, quattro piccoli punti rossi e sette neri. Le lancette sono quelle a forma di freccia dell’Amphibia, con la lancetta dei secondi rossa e una “lollipop” luminosa.

Il logo Timepeace è inciso sul fondello, che riporta anche le parole “VOSTOK,” “Series I,” “USSR,” “Self Winding,” “SS Case,” “Watertight 200m,” “21 jewels,” e un numero di serie a 5 cifre. Il movimento è un automatico Vostok 2416B, con le parole “twenty-one” e “21 jewels” scritte in nero sul peso oscillante.

L’orologio era venduto a $149, con uno sconto per il personale militare a $99. Veniva venduto con documenti in inglese, suggerendo che fosse destinato al mercato americano, supportando l’idea che non fosse un orologio militare ma un accessorio disponibile negli outlet.

soviet watch Vostok Komandirskie Operation Desert Shield
Vostok Komandirskie Operation Desert Shield
Seconda Serie

Questa versione aveva un quadrante identico alla prima serie ma alcune differenze. La cassa rimaneva la 420 in acciaio, ma la lunetta coordinata diventava quella standard dell’Amphibia, con punti rossi leggermente più grandi.

Il fondello aveva il logo Timepeace e le iscrizioni “VOSTOK” o “VREMIR,” “USSR,” “Self-Winding,” “SS Case,” “Watertight 200m,” “21 jewels,” e un numero di serie a 6 cifre. Il movimento rimaneva l’automatico 2416B, con le iscrizioni “twenty-one” e “21 jewels” non in nero.

Quando parliamo della possibilità di trovare il logo VOSTOK o il logo VREMIR sul fondello, dobbiamo aggiungere che “VREMIR” combina due parole: “VREMIA” (tempo) e “MIR” (pace). “Vremir” era un marchio registrato di Timepeaces Russian Watches Inc. nel 1991. Questo dettaglio sul fondello è una sorta di richiamo al nome della società.

Questa serie aveva anche documenti in russo, indicando che erano venduti sia negli Stati Uniti che in Russia. Il numero di unità prodotte rimane sconosciuto.

russian watch Vostok Komandirskie Operation Desert Shield
Vostok Komandirskie Operation Desert Shield
Modello “Cadet”

Un altro modello popolare è il modello Cadet da 34 mm, distintivo per l’iscrizione sul quadrante “Desert Shield” nel semicircolo sinistro e “Desert Storm” in quello destro, invece di “Operation Desert Shield,” indicando un design sviluppato dopo il 1991.

La cassa è il modello “Cadet,” misurando 34mm, con lancette a forma di lancia per le ore e i minuti. Il movimento è il 2409A, 17 gioielli con carica manuale. Il fondello riporta il logo Timepeace e le parole “Vremir,” “USSR,” “Watertight 50m,” “17 jewels,” “Shockproof,” “SS back,” e un numero di serie a 6 cifre.

Questo modello appare spesso in piccole casse con fondelli standard Vostok ed è incluso in un catalogo Vostok del 1993.

Altre Versioni

Navigando in internet o esplorando siti di vendita e mercati delle pulci, è possibile trovare orologi Vostok Desert Shield con variazioni rispetto ai modelli descritti. Questi potrebbero avere fondelli diversi, più simili ai design standard Vostok, o quadranti con il logo Vostok “B”. Si ritiene che Vostok avesse un surplus di quadranti e assemblasse orologi utilizzando casse Komandirskie o Amphibia diverse dalla 420. Queste versioni presentavano il logo “B” e utilizzavano casse o movimenti diversi a seconda del periodo.

Versione Vympel

Una versione molto speciale del Desert Shield è conosciuta con l’iscrizione Alcor Vostok (Алькор Восток) sul fondello, un modello che a prima vista potrebbe sembrare un falso realizzato con un calibro cinese standard Tongji, ma diversi elementi suggeriscono una produzione autentica, anche se bizzarra.

Questo modello viene spesso attribuito alla fabbrica bielorussa Vitebsk Instrument-Making Plant, nota per utilizzare calibri standard cinesi Tongji per la sua produzione. L’attenzione ai dettagli e la presenza di loghi Vostok sul calibro, quadrante e fondello suggeriscono che, per qualche motivo particolare, la produzione fu richiesta da Vostok. Il design della cassa suggerisce un Vympel, un marchio che spesso utilizzava calibri standard cinesi Tongji per la sua produzione.

russian watch Vympel Vostok Operation Desert Shield
Vympel Vostok Operation Desert Shield

Versioni Moderne e Eredità

Il Vostok Desert Shield è stato onorato più volte, con modelli moderni e contemporanei aggiornati seguendo le nuove produzioni Vostok. Il museo di Chistopol, dove si trova la fabbrica Vostok, espone due esemplari del Desert Shield, indicando la sua importanza storica e commerciale.

Nonostante le sue origini commerciali, l’orologio Vostok Desert Shield è un affascinante artefatto, riflettendo una combinazione di storia, marketing e artigianato. La sua storia, legata alla Guerra del Golfo e allo scambio culturale tra USA e URSS, continua a catturare l’attenzione di appassionati di orologi e collezionisti in tutto il mondo.

Trascrizione fedele dell’articolo

Beverly, Mass, Monday, January 28, 1991

Company’s imported Russian watch commends Operation Desert Shield

By KELLEY BOUCHARD
Times staff

BEVERLY – Timepeace Russian Watches Inc., a Hale Street inport company that formed a year ago, is selling a watch made in the Soviet Union to commemorate Operation Desert Shield.

In the last month, the company already has given away about 300 of the 10,000 limited edition Russian military watches to troops stationed in Saudi Arabia.

Timepeace CEO Bruce Erikson, who runs the company out of his Hale Street home, is saving the first Operation Desert Shield watch made to personally present to President Bush in the future.

“Operation Desert Shield gave peace a chance,” says Erikson, who runs Timepeace with partners Bruce Corwin and W. Edgar Cornish. “America has emerged as the peace-keeping force in the world. Part of a peaceful world order is stopping an aggressor like Saddam Hussein.”

Erikson’s company is promoting the $149 watch among veterans group publications and in various upscale department stores as a way to show support for American soldiers fighting in the Middle East and their families at home.

Designed by the Flag Research Center in Winchester, the face of the Operation Desert Shield watch features an American flag, a palm tree and crossed sabers.

While Erikson admits the outbreak of war in the Persian Gulf was an unfortunate turn of events, he points out one opportunity it presents for many Americans.

“It’s an opportunity for some people to relive the Vietnam experience in a better way,” Erikson says. “People have come to understand the importance of supporting a war effort at home.”

Erikson was introduced to the high quality of Russian watches last year when he and his wife, Lynne, visited the Soviet Union as chaperons with a group from the Hamilton-Wenham Regional High School chorus.

When he returned, Erikson and the partners in the investment company he also runs out of his home began importing watches as Timepeace Russian Watches Inc.

Erikson’s new company would not only fan the embers of free enterprise in the Soviet Union, but also take advantage of what the 43-year-old entrepreneur considers one of Russia’s best-kept secrets.

It’s kind of a secret the Russians have because they have been cut off from the rest of the world for so long.

La Rivoluzione dell’Amphibia: L’Invenzione degli Orologi Impermeabili Sovietici

La Rivoluzione dell’Amphibia: L’Invenzione degli Orologi Impermeabili Sovietici

Questa è l’intervista a Novikov ed a Belova, gli ideatori e sviluppatori del progetto Amphibia.

Michail Fëdorovič Novikov e Vera Fëdorovna Belova, sviluppatori degli orologi Amphibia.
Gli sviluppatori degli orologi Amphibia Michail Fëdorovič Novikov e Vera Fëdorovna Belova. Immagine tratta dal video di Vjačeslav Medvedev.

Nel 1967, un evento particolare attirò l’attenzione di molti: una macchina “Volga” passò sopra un orologio. Questo non fu un incidente, ma una dimostrazione pubblica delle capacità straordinarie dell’Amphibia, il primo orologio impermeabile sovietico. L’articolo descrive questo momento così: «…10 …7 …5. Неумолимо, метр за метром движется колесо машины. Затаив дыхание, застыли люди. Что же будет? … Три … метр и, наконец, произошло то, чего с таким любопытством ожидал собравшийся здесь народ: колесо «Волги» переехало… часы» (…10 …7 …5. Inesorabilmente, metro dopo metro, la ruota della macchina avanza. Le persone trattengono il fiato, immobili. Cosa succederà? … Tre … metri e, finalmente, accade ciò che la folla qui riunita attendeva con tanta curiosità: la ruota della Volga ha schiacciato… l’orologio).

I creatori dell’Amphibia, Mikhail Novikov e Vera Belova, ci raccontano la genesi e le peculiarità di questo orologio rivoluzionario. Novikov, all’epoca capo del Bureau delle Nuove Sviluppi, aveva il compito di progettare un orologio che potesse competere con i migliori modelli stranieri, garantendo un funzionamento affidabile fino a 200 metri di profondità e resistenza a notevoli variazioni di pressione e temperatura.

Novikov M.F.: “La sfida era sviluppare un orologio che non fosse inferiore ai modelli stranieri e che garantisse un funzionamento affidabile fino a una profondità di 200 metri, in condizioni di grandi variazioni di pressione e temperatura. Il nome ‘Amphibia’ fu scelto attraverso un concorso interno, rappresentando un essere che si sente a suo agio sia in acqua che sulla terra.”

La progettazione dell’Amphibia richiese l’adozione di soluzioni tecniche innovative per evitare problemi di brevetti e superare i limiti della tecnologia disponibile. Il vetro dell’orologio, ad esempio, fu progettato con un profilo speciale per resistere a pressioni estreme, mentre la guarnizione in gomma venne sviluppata con materiali altamente specifici per garantire la perfetta tenuta stagna.

Belova V.F.: “Il vetro dell’Amphibia è più spesso del normale: 3 mm contro i 2 mm degli orologi ‘Komandirskie’. Non solo la spessore e la configurazione sono diverse, ma anche il processo di fabbricazione è speciale. Il vetro viene levigato per garantire una tenuta perfetta sotto alta pressione.”

Belova sottolinea che la lavorazione del vetro dell’Amphibia richiedeva una precisione estrema, con una produzione che comprendeva anche la levigatura per assicurare l’assenza di qualsiasi imperfezione. La resistenza del corpo dell’orologio venne ulteriormente migliorata utilizzando acciaio inossidabile, un materiale che all’epoca non era comune per questo tipo di applicazioni in URSS.

Novikov M.F.: “Sembrava che potessimo semplicemente copiare i modelli stranieri, ma molte delle loro soluzioni erano brevettate. Inoltre, il nostro equipaggiamento non poteva garantire la precisione necessaria. Dovevamo trovare soluzioni altrettanto efficaci ma senza infrangere brevetti esistenti.”

L’Amphibia non era solo un orologio resistente all’acqua; era un capolavoro di ingegneria. Ogni dettaglio, dalla guarnizione in gomma all’acciaio del corpo, fu pensato per superare le sfide più difficili. Novikov e Belova, con la loro dedizione e innovazione, riuscirono a creare un orologio che avrebbe segnato un’epoca.

Oltre alla versione civile, venne sviluppata anche una versione militare dell’Amphibia, denominata NVCH-30, destinata ai sommozzatori della marina sovietica. Questi modelli erano sottoposti a rigorosi test di resistenza e funzionamento, inclusi esercitazioni che simulavano scenari di salvataggio in mare.

Belova V.F.: “Questi orologi venivano testati con programmi molto rigorosi. Anche il cinturino doveva superare test di resistenza estremi. Il collegamento del cinturino al NVCH-30 era un po’ strano a vedersi, ma estremamente robusto.”

L’eredità dell’Amphibia vive ancora oggi, come simbolo di ingegneria innovativa e durabilità. Novikov e Belova, con la loro visione e competenza, hanno lasciato un segno indelebile nella storia dell’orologeria.

La nascita dell’orologeria sovietica: Da Dueber-Hampden all’orologeria russa

La nascita dell’orologeria sovietica: Da Dueber-Hampden all’orologeria russa

A questo indirizzo web, puoi scaricare il PDF in inglese: https://www.hampdenwatches.com/it/extra

Prefazione dell’edizione aggiornata (Pagina 1)

La necessità di un’edizione aggiornata evidenzia le lacune in questa affascinante storia. Sono emerse nuove informazioni, fornite da lettori, discendenti e appassionati. Sebbene non colmino tutti i dettagli, questa seconda edizione porta la storia un passo avanti, offrendo ulteriori approfondimenti su molti personaggi.

La prefazione mira a introdurre l’ambiente sociale e politico durante la corsa all’industrializzazione, che inevitabilmente ha influenzato le fabbriche di orologi. Il potere dei lavoratori ha influenzato la produzione e la qualità, come evidenziato dagli articoli di Gershenzon e dai vari movimenti “Udarnik”. In questo paradiso dei lavoratori, nuove pratiche hanno rivelato carenze organizzative e scuse manageriali. Anche errori inevitabili potevano avere conseguenze tragiche.

Non tutti gli americani furono autorizzati a tornare dopo la scadenza dei loro contratti, nonostante i rapporti da Canton suggerissero il contrario. Il racconto dettagliato del coinvolgimento di Herman London, facilitato grandemente dalla sua famiglia, apre nuovi aspetti di questa storia.

Introduzione (Pagine 5-6)

Potresti leggere questo per vari motivi: forse dalla mia storia sulla Hampden Watch Company prima del 1930 o per un interesse nei vecchi orologi russi. Indipendentemente dal motivo, benvenuto, e spero che trovi la storia intrigante.

Il genere dell’orologeria sovietica è enorme e le sue origini sono cruciali. La mia storia si concentra su queste origini e sul contributo del personale, degli strumenti e dei design della Dueber-Hampden Watch Works all’URSS, perpetuando l’eredità di Hampden.

Nel 2006 ho iniziato a indagare sul destino della fabbrica di Canton e ho trovato informazioni limitate, spesso errate e fuorvianti. L’argomento dell’URSS evoca ancora visioni stereotipate in Occidente e difese nei paesi ex sovietici. Nessuna delle due prospettive è utile nell’esaminare gli eventi passati.

Questa storia è iniziata come un blog nel 2008 e si è ampliata con l’emergere di nuove informazioni. Molti contenuti sono inediti, ma attingo anche da fonti familiari. Fino a quando non emergeranno documenti definitivi dalle fonti russe, la produzione di orologi sovietici rimane speculativa.

La storia copre eventi mondiali significativi, dalla Grande Depressione, alle purghe di Stalin, alla Seconda Guerra Mondiale e alla Guerra Fredda. Questo contenuto non mira a condonare o condannare, ma semplicemente a raccontare una storia su orologi e persone.

Prefazione (Pagine 7-12)

Nel 1886, John C. Dueber, un industriale americano naturalizzato, nato in Germania, affrontava problemi di acquisizione di terreni a Newport, Kentucky. Aveva bisogno di spazio per la sua fiorente attività di casse per orologi e per la compagnia Hampden recentemente acquisita, situata a Springfield, Massachusetts. Dueber annunciò che se una città o un paese avesse raccolto $100.000 in “denaro regalo”, avrebbe trasferito le sue aziende, portando 1.500 a 2.000 dipendenti, aumentando significativamente la popolazione locale.

Canton, Ohio, colse l’opportunità. Canton, fondata nel 1805 e centro amministrativo della contea di Stark nel nord-est dell’Ohio, era in difficoltà economiche. Negli anni 1880, il suo maggior datore di lavoro, C. Aultman & Co., affrontava un futuro incerto e aveva ridotto i salari dei lavoratori del 10%, causando gravi difficoltà. La proposta di Dueber era provvidenziale, offrendo nuove opportunità di lavoro.

La prefazione descrive brevemente il periodo prima e dopo la chiusura delle opere Dueber-Hampden a Canton, appena prima della Grande Depressione, e il suo impatto sull’occupazione. Descrive anche l’ambiente di Mosca dove le attrezzature di Canton furono trasferite, con approfondimenti di esperti storici e sociologici.

1917 – 1930 (Pagine 13-19)

Il capitolo descrive il periodo dalla Rivoluzione Russa del 1917 al 1930, coprendo eventi significativi come l’istituzione dell’Unione Sovietica e i primi sforzi di industrializzazione. Sottolinea le sfide e i successi nell’istituire le prime fabbriche di orologi sovietiche, dettagliando l’acquisto e il trasferimento delle attrezzature Dueber-Hampden a Mosca.

La commissione sovietica, inclusi Bodrov e altri, esplorò l’acquisto di attrezzature dall’Europa e dall’America. Affrontarono resistenze in Europa ma ebbero successo in America, portando all’acquisizione delle attrezzature Hampden. I sovietici miravano a creare un’industria degli orologi autosufficiente, in linea con i loro obiettivi ideologici.

Le persone (Pagine 20-26)

Il capitolo introduce le figure chiave nella storia dell’orologeria sovietica, tra cui Andrey Mikhailovich Bodrov, Heinrich Kann e Vladimir Osipovich “Wolf” Pruss. Ogni individuo ha svolto un ruolo cruciale nell’istituzione e nello sviluppo dell’industria orologiera sovietica.

Andrey Mikhailovich Bodrov fu determinante negli sforzi di industrializzazione e nell’istituzione della Prima Fabbrica Statale di Orologi.

Heinrich Kann, un importante orologiaio pre-rivoluzionario, contribuì significativamente all’orologeria e all’educazione sovietica.

Vladimir Osipovich “Wolf” Pruss, un orologiaio esperto con un background nei movimenti socialisti, aiutò a formare nuovi orologiai nell’URSS.

L’acquisto di Dueber-Hampden (Pagine 27-35)

Durante la visita della commissione in America, prevalse il pragmatismo, portando all’acquisto delle piante bancarottiere Dueber-Hampden e Ansonia Clock Co. I sovietici, tramite Amtorg, acquistarono modelli, macchinari, strumenti e scorte, fondamentali per l’istituzione dell’industria degli orologi sovietica.

Il capitolo dettaglia il viaggio di 23 ex orologiai Dueber-Hampden a Mosca per formare i lavoratori sovietici. Questi specialisti americani aiutarono a istituire la nuova fabbrica, formare i lavoratori e avviare la produzione. Nonostante le sfide iniziali, i loro contributi furono significativi per la creazione delle basi dell’orologeria sovietica.

La Prima Fabbrica Statale di Orologi (Pagine 36-52)

Il capitolo descrive l’istituzione della Prima Fabbrica Statale di Orologi, situata sul sito di una ex fabbrica di tabacco a Mosca. La costruzione della fabbrica iniziò nel febbraio 1930 e fu completata entro giugno 1930, con le principali attrezzature installate entro settembre 1930.

Entro il 7 novembre 1930, la fabbrica produsse i suoi primi 50 orologi da tasca, presentati in una cerimonia. Gli orologi erano basati sul movimento Hampden Size 16 e divennero la base della produzione di orologi sovietici. Il successo della fabbrica segnò una pietra miliare significativa nell’industrializzazione sovietica.

Altre fabbriche di Tipo-1 (Pagine 53-58)

Il capitolo esplora altre fabbriche che producevano orologi di Tipo-1, simili a quelli realizzati nella Prima Fabbrica Statale di Orologi. Queste fabbriche facevano parte dello sforzo più ampio di stabilire un’industria orologiera sovietica autosufficiente. Il capitolo evidenzia le sfide e i successi di queste fabbriche, i loro metodi di produzione e i loro contributi all’orologeria sovietica.

Artels (Pagine 59-63)

Gli artels erano laboratori cooperativi che giocavano un ruolo cruciale nella produzione di orologi sovietici. Il capitolo dettaglia come operavano questi laboratori, la loro organizzazione e i loro contributi all’industria. Gli artels erano essenziali per soddisfare la crescente domanda di orologi nell’URSS.

Varie tipologie di orologi di Tipo-1 (Pagine 64-66)

Il capitolo mostra vari orologi di Tipo-1 prodotti dalle fabbriche sovietiche. Questi orologi, basati sui design Hampden, erano noti per la loro robustezza, precisione e affidabilità. Il capitolo fornisce una panoramica dei diversi modelli e delle loro caratteristiche, evidenziando la loro importanza nell’orologeria sovietica.

Lip e il periodo postbellico (Pagine 67-71)

Il capitolo discute la collaborazione tra l’Unione Sovietica e la compagnia di orologi francese Lip durante il periodo postbellico. Nel 1936, Lip affrontò difficoltà finanziarie e firmò un accordo con l’URSS per esportare tecnologia e parti. Questa collaborazione aiutò a modernizzare la produzione di orologi sovietica, introducendo nuovi design e tecniche.

Falsi e orologi modificati (Pagine 72-73)

Il capitolo affronta il problema degli orologi contraffatti e modificati, noti come “falsi” e “frankens”, nel mercato degli orologi sovietici. Discute come questi orologi venivano creati, il loro impatto sul mercato e come identificare autentici orologi sovietici.

Amtorg (Pagine 74-75)

Amtorg era l’organizzazione commerciale sovietica responsabile dell’acquisto di attrezzature e tecnologia dall’Occidente. Il capitolo dettaglia il ruolo di Amtorg nell’acquisizione delle attrezzature Dueber-Hampden e di altri macchinari essenziali per la produzione di orologi sovietici. Gli sforzi di Amtorg furono cruciali per l’istituzione di un’industria orologiera moderna nell’URSS.

Un lavoratore americano in una fabbrica di Mosca (Pagine 76-78)

Il capitolo narra le esperienze dei lavoratori americani nelle fabbriche sovietiche. Evidenzia le sfide che hanno affrontato, i loro contributi all’industria degli orologi sovietica e lo scambio culturale tra lavoratori americani e sovietici. Il capitolo fornisce aneddoti personali e approfondimenti sulla loro vita quotidiana a Mosca.

Un orologiaio americano intrappolato nell’URSS dal 1934 (Pagine 79-80)

Questo capitolo racconta la storia di un orologiaio americano che rimase intrappolato nell’URSS dopo il 1934. Esplora le circostanze che portarono alla sua situazione, le sue esperienze e le implicazioni più ampie di tali casi durante l’era sovietica.

Russia: un gigante orologiero in risveglio (Pagine 81-83)

Il capitolo finale riflette sull’emergere della Russia come attore significativo nell’industria orologiera globale. Evidenzia i successi dell’industria orologiera sovietica, il suo impatto sul mercato globale e la sua eredità. Il capitolo conclude con una discussione sul futuro dell’orologeria russa e il suo potenziale di crescita.

Breve storia dell’arte orologiera (1926 – G. Kann)

Breve storia dell’arte orologiera (1926 – G. Kann)

Capitoli del Libro

1. От автора (Dall’Autore)

L’autore dedica il suo lavoro a Ivan Petrovich Kulibin, un meccanico autodidatta russo di grande talento. Kulibin, nato nel 1735, mostrò fin da giovane una passione per la meccanica, costruendo orologi e altri dispositivi complessi con strumenti semplici. La sua dedizione e abilità lo portarono a costruire un orologio complesso che attirò l’attenzione dell’imperatrice Caterina II, che lo ricompensò generosamente. Nonostante le avversità, Kulibin continuò a innovare fino alla sua morte nel 1818.

Curiosità:

  • Kulibin costruì il suo primo orologio senza strumenti professionali, utilizzando solo un coltello.
  • L’orologio presentato a Caterina II era a forma di uovo e mostrava una scena della resurrezione di Cristo.
  • Dopo aver impressionato Caterina II, Kulibin ricevette un incarico presso l’Accademia delle Scienze e un salario annuale.

2. Введение (Introduzione)

L’autore discute l’assenza di una letteratura estesa sull’orologeria in Russia rispetto all’Occidente e spera che il suo lavoro possa stimolare l’interesse per questa arte. Il testo si ispira a una brochure distribuita alla Conferenza degli Orologiai Tedeschi nel 1925.

Curiosità:

  • L’autore utilizza opere di diversi esperti europei di orologeria come fonti, tra cui Ernst von Bassermann-Jordan e Claudius Saunier.
  • Il libro è dedicato alla memoria di Kulibin, considerato un modello di ingegno e perseveranza.
  • La letteratura orologiera occidentale è molto più sviluppata rispetto a quella russa, con numerosi giornali specializzati e scuole di orologeria.

3. Точное определение времени (Misurazione precisa del tempo)

Questo capitolo esplora i vari metodi sviluppati per misurare il tempo con precisione, includendo orologi astronomici e la sincronizzazione basata sui movimenti della terra e degli astri. Viene descritto come l’osservazione delle stelle può aiutare a regolare gli orologi con una precisione incredibile.

Curiosità:

  • Gli orologi astronomici possono misurare il tempo con una precisione fino a centesimi di secondo.
  • I segnali di tempo venivano trasmessi a livello internazionale tramite stazioni radio per sincronizzare gli orologi in diverse località.
  • La città di Berlino utilizzava un sistema di segnali telegrafici per sincronizzare gli orologi delle stazioni ferroviarie.

4. Искровая станция Наузн (Stazione a scintilla di Nauzen)

Descrive la stazione radiotelegrafica di Nauzen, utilizzata per trasmettere segnali temporali globali, contribuendo alla sincronizzazione degli orologi a livello internazionale. La stazione di Nauzen rappresenta un passo significativo nell’evoluzione della trasmissione precisa del tempo.

Curiosità:

  • La stazione di Nauzen iniziò le sue operazioni moderne nel 1920.
  • I segnali di tempo trasmessi da Nauzen erano utilizzati per regolazioni precise degli orologi in tutto il mondo.
  • La stazione era dotata di due alte torri di trasmissione, ognuna alta 260 metri.

5. Измерители времени в древности (Misuratori del tempo nell’antichità)

Il capitolo traccia l’evoluzione dei dispositivi per misurare il tempo dalle antiche meridiane ai più complessi orologi ad acqua e sabbia. Esamina come le antiche civiltà utilizzavano l’ombra e altre tecniche per tenere traccia del tempo.

Curiosità:

  • Le meridiane furono utilizzate già nel 2679 a.C. dai cinesi.
  • I primi orologi ad acqua includevano meccanismi complessi che indicavano le ore anche di notte.
  • Gli orologi a sabbia, noti anche come clessidre, erano utilizzati sia per scopi quotidiani che nelle corti giudiziarie per limitare il tempo delle arringhe.

6. Первые колесные часы с тормазом (I primi orologi a ruote dentate con freno)

Esamina l’invenzione degli orologi meccanici a ruote dentate, attribuita a papa Silvestro II (Gerberto d’Aurillac) intorno all’anno 1000 d.C. Questi orologi rappresentano un importante sviluppo tecnologico nell’evoluzione della misurazione del tempo.

Curiosità:

  • Gli orologi meccanici a ruote dentate rappresentarono un enorme passo avanti rispetto ai precedenti dispositivi di misurazione del tempo.
  • L’accuratezza di questi orologi era migliorata rispetto ai modelli ad acqua e sabbia.
  • Il primo orologio meccanico pubblico fu installato a Milano nel 1335.

7. Башенные часы (Orologi da torre)

Descrive lo sviluppo degli orologi da torre in Europa, evidenziando esempi notabili come l’orologio della cattedrale di Strasburgo. Questi orologi non solo segnavano il tempo, ma diventavano anche opere d’arte e simboli di prestigio per le città.

Curiosità:

  • L’orologio della cattedrale di Strasburgo è considerato uno dei sette meravigli del mondo meccanico.
  • Questi orologi non solo segnavano il tempo, ma erano spesso ornati con figure animate che si muovevano ogni ora.
  • Le città gareggiavano per avere gli orologi da torre più complessi e belli, spesso impiegando i migliori artigiani del tempo.

8. Карл V часовщик (Carlo V orologiaio)

Questo capitolo racconta la passione di Carlo V per l’orologeria e il suo contributo personale alla creazione e alla riparazione di orologi. Dopo aver abdicato al trono, Carlo V si dedicò completamente a questa sua passione.

Curiosità:

  • Carlo V abdicò al trono per dedicarsi alla vita monastica e all’orologeria.
  • Lavorò con il famoso orologiaio Juanelo Turriano per creare orologi complessi e precisi.
  • Carlo V trovava nell’orologeria un sollievo e un rifugio dai pesanti doveri di stato.

9. Изобретение карманных часов (Invenzione degli orologi da tasca)

Tratta dell’invenzione degli orologi da tasca, attribuita al fabbro di Norimberga Peter Henlein nel XVI secolo. Questi orologi portarono la misurazione del tempo a un livello più personale e portatile.

Curiosità:

  • I primi orologi da tasca erano conosciuti come “uova di Norimberga” a causa della loro forma e dimensione.
  • Questi orologi rivoluzionarono la misurazione del tempo, rendendola portatile e accessibile.
  • Henlein fu in grado di miniaturizzare i complessi meccanismi degli orologi, rendendoli adatti per essere portati in tasca.

10. Морской хронометр (Cronometro marino)

Spiega l’importanza del cronometro marino per la navigazione e come l’inglese John Harrison risolse il problema della longitudine con i suoi cronometri precisi. I cronometri marini erano cruciali per la sicurezza e l’efficienza della navigazione oceanica.

Curiosità:

  • Il cronometro di Harrison fu in grado di misurare il tempo con una precisione mai vista prima durante lunghi viaggi marittimi.
  • Harrison ricevette un premio significativo dal governo britannico per il suo contributo alla navigazione.
  • La sua invenzione permise ai navigatori di determinare la loro longitudine con grande precisione, riducendo i rischi di naufragio.

11. Последовательные усовершенствования карманных часов (Miglioramenti successivi degli orologi da tasca)

Descrive i vari miglioramenti apportati agli orologi da tasca, inclusi i meccanismi a carica automatica e i nuovi materiali per una maggiore precisione. L’evoluzione tecnica continuò a migliorare l’accuratezza e l’affidabilità degli orologi da tasca.

Curiosità:

  • Gli orologi con carica automatica eliminarono la necessità di utilizzare una chiave per la carica.
  • La precisione degli orologi da tasca continuò a migliorare con l’introduzione di nuovi materiali come la spirale Breguet.
  • Alcuni orologi da tasca di alta qualità includevano complicazioni come calendari perpetui e fasi lunari.

12. Изобретение маятника (Invenzione del pendolo)

Esplora l’importanza dell’invenzione del pendolo per migliorare l’accuratezza degli orologi, attribuita a Galileo Galilei e successivamente perfezionata da Christiaan Huygens. Il pendolo ha rappresentato una rivoluzione nella misurazione precisa del tempo.

Curiosità:

  • Galileo notò per la prima volta le proprietà isocrone del pendolo osservando un lampadario oscillante nella cattedrale di Pisa.
  • Huygens sviluppò il primo orologio a pendolo preciso, migliorando drasticamente la misurazione del tempo.
  • Gli orologi a pendolo divennero rapidamente lo standard per la precisione e furono ampiamente utilizzati negli osservatori astronomici.

13. Новый уровень выработки часов в девятнадцатом столетии и подъем их производства в настоящее время (Nuovo livello di produzione di orologi nel XIX secolo e aumento della produzione attuale)

Discussione sulla crescita industriale dell’orologeria nel XIX secolo e il suo sviluppo fino ai primi del XX secolo. L’industrializzazione permise una produzione di massa di orologi, rendendoli più accessibili al pubblico.

Curiosità:

  • Le innovazioni tecnologiche del XIX secolo permisero una produzione di orologi più efficiente e di massa.
  • Le fabbriche di orologi in Svizzera e Germania divennero leader mondiali nella produzione di orologi di alta qualità.
  • La produzione di massa ridusse i costi e rese gli orologi più accessibili a un pubblico più ampio.

14. Типы изящных современных карманных и браслетных часов (Tipi di eleganti orologi da tasca e da polso moderni)

Descrive i vari stili e tipi di orologi da tasca e da polso che divennero popolari all’inizio del XX secolo. L’evoluzione del design e della tecnologia ha reso gli orologi non solo strumenti di precisione, ma anche accessori di moda.

Curiosità:

  • Gli orologi da polso iniziarono a superare in popolarità quelli da tasca grazie alla loro praticità.
  • Design innovativi e l’uso di materiali preziosi resero questi orologi non solo strumenti di precisione, ma anche accessori di moda.
  • Alcuni orologi da polso dell’epoca includevano funzioni come cronografi e indicazioni delle fasi lunari.

15. Часовая промышленность в Шварцвальде (Industria orologiera nella Foresta Nera)

Esplora l’industria orologiera nella Foresta Nera, famosa per i suoi orologi a cucù e la produzione artigianale di alta qualità. La regione è rinomata per la sua tradizione orologiera e l’artigianalità dei suoi prodotti.

Curiosità:

  • Gli orologi a cucù della Foresta Nera sono famosi in tutto il mondo per la loro artigianalità e design unico.
  • La regione ha una lunga tradizione di orologeria che risale al XVIII secolo.
  • Gli orologiai della Foresta Nera erano noti per la loro abilità nel creare orologi intricati e decorati.

16. Фабрика Юнгганс в Шрамберге (Fabbrica Junghans a Schramberg)

Descrizione della fabbrica Junghans e del suo contributo all’orologeria moderna, con un’enfasi sulla produzione di massa e l’innovazione tecnica. Junghans è diventata una delle principali aziende di orologi in Germania.

Curiosità:

  • Junghans è stata fondata nel 1861 e divenne rapidamente uno dei maggiori produttori di orologi al mondo.
  • La fabbrica introdusse molte innovazioni, inclusi nuovi metodi di produzione e design moderni.
  • Junghans era nota per la produzione di orologi precisi e affidabili, inclusi cronografi e orologi da polso.

17. Фабрикация карманных часов в Пруссии (Fabbricazione di orologi da tasca in Prussia)

Analisi della produzione di orologi da tasca in Prussia e il ruolo della regione nello sviluppo dell’orologeria europea. La Prussia è stata un importante centro di produzione orologiera nel XIX secolo.

Curiosità:

  • La Prussia era un centro importante per la produzione di orologi di alta qualità durante il XIX secolo.
  • Molti orologiai prussiani erano noti per la loro abilità artigianale e l’attenzione ai dettagli.
  • La produzione orologiera in Prussia contribuì significativamente all’economia locale e alla reputazione della regione come centro di eccellenza orologiera.

18. Часовая фабрика Адольфа Ланге с сыновьями в Гласхютте в Саксонии (Fabbrica di orologi di Adolf Lange & Söhne a Glashütte, Sassonia)

Esplora la storia della fabbrica di orologi Adolf Lange & Söhne, fondata nel 1845 e famosa per i suoi orologi di precisione. Lange & Söhne è uno dei nomi più rispettati nell’orologeria di alta gamma.

Curiosità:

  • Adolf Lange è considerato uno dei padri fondatori dell’industria orologiera tedesca.
  • I suoi orologi sono ancora oggi considerati tra i migliori al mondo per la loro precisione e qualità.
  • La fabbrica di Lange & Söhne ha superato molte difficoltà, incluse le devastazioni della Seconda Guerra Mondiale, per mantenere la sua reputazione di eccellenza.

19. Электрические часы (Orologi elettrici)

Descrive l’introduzione e lo sviluppo degli orologi elettrici, una delle innovazioni più significative del XX secolo. Gli orologi elettrici hanno rivoluzionato l’industria orologiera con la loro precisione e facilità d’uso.

Curiosità:

  • Gli orologi elettrici hanno rivoluzionato l’industria orologiera con la loro precisione e facilità d’uso.
  • La tecnologia ha permesso lo sviluppo di orologi sincronizzati a livello globale.
  • Gli orologi elettrici furono i precursori degli orologi al quarzo, che avrebbero ulteriormente migliorato la precisione e ridotto i costi di produzione.

20. Германская школа часовщиков в Гласхютте в Саксонии (Scuola tedesca di orologiai a Glashütte, Sassonia)

Analisi della formazione e dell’educazione degli orologiai nella scuola di Glashütte, un’importante istituzione per l’orologeria tedesca. La scuola di Glashütte ha formato molti dei migliori orologiai del mondo.

Curiosità:

  • La scuola è stata fondata per elevare gli standard di formazione degli orologiai tedeschi.
  • Molti dei migliori orologiai del mondo hanno ricevuto la loro formazione a Glashütte.
  • La scuola di Glashütte è nota per il suo rigore accademico e l’attenzione ai dettagli tecnici e artistici dell’orologeria.

21. Часовое искусство в нашей Республике (L’arte orologiera nella nostra Repubblica)

Discussione sullo stato dell’arte orologiera nella Repubblica Sovietica e le sfide affrontate dall’industria. Nonostante le difficoltà economiche e politiche, l’industria orologiera russa continuò a svilupparsi e innovare.

Curiosità:

  • Nonostante le difficoltà economiche, la Russia ha continuato a sviluppare la sua industria orologiera.
  • L’autore sottolinea la necessità di sostenere gli artigiani locali e migliorare l’accesso alle risorse e alle tecnologie moderne.
  • Il governo sovietico ha riconosciuto l’importanza dell’orologeria come simbolo di progresso tecnologico e ha investito in programmi di formazione e ricerca.

Questo articolo offre una panoramica dettagliata di ogni capitolo del libro “Краткая история часового искусства” di G. Kann, rivelando l’affascinante storia e le evoluzioni tecniche dell’orologeria.

Storia della Fabbrica di Orologi ‘Slava’ di Mosca: Un Viaggio Attraverso il Tempo

Storia della Fabbrica di Orologi ‘Slava’ di Mosca: Un Viaggio Attraverso il Tempo

Titolo originale del libro: История часового завода Слава – В.Г. Богданов, 2002

Copertina del libro "Dagli orologi a pendolo agli strumenti di tempo delle stazioni spaziali orbitali" sulla storia della fabbrica di orologi Slava
Libro “Dagli orologi a pendolo agli strumenti di tempo delle stazioni spaziali orbitali”

Capitolo 1: Sulla misurazione del tempo in Russia

Descrizione: Il primo capitolo esplora le origini della misurazione del tempo in Russia, risalendo ai primi orologi da torre installati nelle città russe. Descrive come questi orologi fossero inizialmente creati da artigiani locali e come, col tempo, abbiano iniziato a essere importati dall’estero. Si passa dall’uso di metodi primitivi di misurazione del tempo, come orologi solari e ad acqua, alla diffusione degli orologi meccanici durante il Medioevo. La narrazione include dettagli sulle prime fabbriche di orologi in Russia, create durante il regno di Caterina II, e le difficoltà incontrate nel mantenere una produzione stabile e di alta qualità.

Dettagli:

  • Il primo orologio da torre in Russia fu installato nel 1404 da un monaco di nome Lazar Serbin.
  • La fabbrica di orologi di Mosca, creata nel 1769, produceva orologi che erano spesso usati come premi e regali ufficiali.
  • Nel XVI secolo, gli orologi meccanici iniziarono a diffondersi nelle chiese e nelle cattedrali, diventando simboli di prestigio e tecnologia avanzata.
  • La precisione degli orologi migliorò significativamente grazie ai progressi nell’astronomia e nella meccanica .

Capitolo 2: La necessità di un’industria orologiera nazionale

Descrizione: Questo capitolo evidenzia la crisi dell’industria orologiera russa durante le guerre mondiali e la rivoluzione. Con l’interruzione delle importazioni e la chiusura delle fabbriche esistenti, emerge la necessità di stabilire una propria industria nazionale. Vengono descritti gli sforzi per riorganizzare le risorse esistenti e creare nuove strutture produttive, oltre ai tentativi di importare tecnologie dall’estero.

Dettagli:

  • Nel 1920, l’Unione Sovietica creò un’agenzia dedicata alla gestione della produzione di orologi, chiamata “Agenzia degli Orologi”.
  • Durante gli anni ’20 e ’30, la fabbrica acquistò macchinari dagli Stati Uniti per avviare la produzione interna di orologi.
  • Gli sforzi per formare personale qualificato furono intensificati, con l’istituzione di scuole tecniche e programmi di formazione .

Capitolo 3: La storia del secondo impianto di orologi di Mosca – 75 anni sul mercato

Descrizione: Questo capitolo segue la storia dettagliata del Secondo Fabbrica di Orologi di Mosca (2MChZ) dalla sua fondazione nel 1924 fino ai tempi moderni. Viene descritta l’evoluzione delle tecnologie di produzione, i materiali utilizzati e le varie sfide affrontate dai lavoratori durante periodi di guerra e pace. La fabbrica è descritta come un simbolo dell’innovazione industriale sovietica.

Dettagli:

  • La fabbrica fu inizialmente fondata come parte del Dipartimento Militare Tecnico del RKKA.
  • Nel 1930, la fabbrica iniziò a produrre sveglie con componenti importate dalla Germania.
  • La fabbrica fu uno dei principali fornitori di orologi per l’esercito sovietico durante la Seconda Guerra Mondiale.
  • Negli anni ’50 e ’60, la fabbrica si espanse e modernizzò, introducendo nuovi modelli e tecnologie .

Capitolo 4: I primi successi

Descrizione: Descrive i primi anni di attività della fabbrica, concentrandosi sugli sforzi per incrementare la produzione e migliorare la qualità degli orologi. Vengono dettagliate le difficoltà tecniche e logistiche affrontate, come la scarsità di materiali e la necessità di formare nuovi lavoratori. Il capitolo include testimonianze di lavoratori e dirigenti che hanno contribuito al successo iniziale dell’azienda.

Dettagli:

  • Nel 1930, la fabbrica produsse 144.000 sveglie e 628.000 orologi da parete, nonostante le numerose difficoltà iniziali.
  • I dirigenti della fabbrica implementarono sistemi innovativi di produzione per aumentare l’efficienza.
  • La formazione del personale fu una priorità, con programmi intensivi di apprendimento sul lavoro.
  • Le tecniche di produzione si basavano su macchinari importati e su processi ottimizzati per la massima efficienza .

Capitolo 5: Tutto per il fronte, tutto per la vittoria

Descrizione: Durante la Seconda Guerra Mondiale, la produzione della fabbrica si sposta verso beni di utilità militare. Il capitolo descrive la riorganizzazione della produzione e il contributo significativo della fabbrica agli sforzi bellici sovietici. Viene evidenziato come la fabbrica abbia dovuto adattarsi rapidamente alle nuove esigenze, producendo strumenti e apparecchiature per l’esercito.

Dettagli:

  • La fabbrica produceva magneti per esplosivi e dispositivi per il rilascio di paracadute.
  • Nonostante le difficoltà della guerra, la fabbrica mantenne una produzione costante e di alta qualità.
  • Molti lavoratori della fabbrica furono premiati per il loro contributo agli sforzi bellici.
  • La produzione di orologi si ridusse, ma l’innovazione tecnologica continuò, preparando il terreno per la ripresa post-bellica【3†source】 .

Capitolo 6: Ritorno alla produzione civile

Descrizione: Il capitolo descrive il periodo post-bellico, durante il quale la fabbrica torna gradualmente alla produzione di orologi per uso civile. Include dettagli sulla modernizzazione degli impianti e l’introduzione di nuove tecnologie. Viene esplorato come la fabbrica si sia reinventata per rispondere alle nuove esigenze del mercato.

Dettagli:

  • Negli anni ’50, la fabbrica introdusse il primo cronometro sovietico, segnando un importante passo avanti nella precisione e affidabilità dei loro prodotti.
  • La produzione si diversificò includendo orologi da polso, da parete e da tasca.
  • La fabbrica divenne un simbolo di rinascita economica e innovazione tecnologica.
  • Vennero implementati nuovi processi produttivi per migliorare la qualità e ridurre i costi .

Capitolo 7: Il periodo della decadenza

Descrizione: Esamina gli anni di difficoltà economiche e declino produttivo che la fabbrica affrontò durante il tardo periodo sovietico e i primi anni post-sovietici. Nonostante le sfide, la fabbrica continua a produrre orologi, mantenendo una parte significativa del mercato. Vengono discussi i tentativi di ristrutturazione e modernizzazione per affrontare le nuove realtà economiche.

Dettagli:

  • Alla fine degli anni ’90, la fabbrica ricevette congratulazioni dal Presidente della Russia e dal Sindaco di Mosca per il suo 75° anniversario.
  • Viene descritto come la fabbrica abbia cercato di adattarsi ai cambiamenti del mercato globale.
  • Gli sforzi per mantenere la qualità e l’affidabilità dei prodotti furono costanti, nonostante le difficoltà finanziarie.
  • Si esplorano i tentativi di diversificare la produzione e sviluppare nuovi mercati .

Capitolo 8: Conclusione e appendici

Descrizione: La conclusione riassume i traguardi e le difficoltà della fabbrica di orologi “Slava”. Include una riflessione sull’importanza storica della fabbrica e sul futuro dell’industria orologiera in Russia. Le appendici offrono ulteriori dettagli tecnici, statistiche di produzione e una bibliografia. Vengono anche menzionati i successi individuali dei lavoratori e le innovazioni tecnologiche introdotte.

Dettagli:

  • Una sezione dell’appendice è dedicata ai successi individuali dei lavoratori della fabbrica, molti dei quali hanno ricevuto premi statali per il loro contributo.
  • Vengono fornite statistiche dettagliate sulla produzione e sui vari modelli di orologi prodotti.
  • La fabbrica è presentata come un esempio di resilienza e innovazione nel panorama industriale russo.
  • Le appendici includono anche documenti storici e fotografie che illustrano l’evoluzione della fabbrica .

Questo articolo fornisce una panoramica completa e approfondita della storia del Secondo Fabbrica di Orologi di Mosca, meglio conosciuta come “Slava”. La narrazione dettagliata dei capitoli evidenzia non solo gli sviluppi tecnologici e produttivi, ma anche il contesto sociale e storico in cui la fabbrica ha operato.

Indice e Descrizione Dettagliata dei Capitoli del libro “Из истории развития часового производства в России” di Olga Nikolaevna Melnikova

Indice e Descrizione Dettagliata dei Capitoli del libro “Из истории развития часового производства в России” di Olga Nikolaevna Melnikova

Il titolo del libro “Из истории развития часового производства в России” si traduce in italiano come: “Dalla storia dello sviluppo dell’industria orologiera in Russia”

Introduzione – Pagina 3

Nell’introduzione, l’autrice stabilisce il contesto storico della produzione di orologi in Russia, sottolineando la sua rilevanza per l’evoluzione industriale del paese. Viene spiegato il significato della ricerca per comprendere meglio il ruolo dell’orologeria nello sviluppo socio-economico russo dal XVIII secolo fino agli inizi del XX secolo. L’autrice delinea gli obiettivi principali della ricerca, le metodologie utilizzate e l’importanza di questo settore nell’ambito della tecnologia e della produzione industriale. Una curiosità interessante è come la percezione del tempo e la sua misurazione abbiano influenzato non solo la vita quotidiana, ma anche il progresso tecnologico e scientifico della Russia.

Sezione Prima: L’emergere e lo sviluppo della produzione di orologi in Russia. Il ruolo delle esposizioni industriali nel miglioramento delle competenze degli orologiai russi.

Capitolo 1: Inizio della produzione di orologi e attività delle officine di orologeria nelle diverse regioni della Russia – Pagina 25

Questo capitolo fornisce una panoramica storica dettagliata delle prime fasi della produzione di orologi in Russia. Si parte dall’introduzione dei primi orologi meccanici, con un’attenzione particolare agli orologi a torre installati nel XV secolo. Viene esplorato il ruolo dei primi orologiai e l’influenza delle tecnologie importate dall’Europa occidentale. L’autrice descrive come questi primi strumenti di misurazione del tempo abbiano portato a un cambiamento significativo nella percezione del tempo e nell’organizzazione della vita quotidiana.

  • Origini e diffusione: Analisi delle origini degli orologi meccanici in Europa e della loro introduzione in Russia. Un fatto curioso è che i primi orologi a torre installati in Russia nel XV secolo erano doni di diplomatici stranieri.
  • Primi orologi a torre: Descrizione degli orologi a torre installati in vari edifici pubblici e religiosi, e il loro significato culturale. Ad esempio, i primi orologi a torre nel Cremlino di Mosca servivano non solo a misurare il tempo ma anche come strumenti di prestigio politico e religioso.
  • Officine regionali: Esame delle prime officine di orologeria in diverse regioni russe, comprese le città di Mosca e San Pietroburgo, e l’influenza dei maestri stranieri. Un punto specifico interessante è come la città di Mosca sia diventata un centro di eccellenza grazie all’importazione di tecnologie e competenze europee.
Capitolo 2: Produzione di orologi nelle fabbriche di Stato e private in Russia (XVIII – inizio XX secolo) – Pagina 73

In questo capitolo, l’autrice esamina il ruolo delle fabbriche statali e delle imprese private nella produzione di orologi durante il periodo in esame. Si analizza l’evoluzione delle fabbriche di orologi, l’organizzazione del lavoro e le innovazioni tecnologiche implementate.

  • Fabbriche di Stato: Studio delle fabbriche di Stato fondate sotto il regno di Caterina II, con particolare attenzione alla struttura organizzativa e ai prodotti realizzati. Una curiosità è che molte di queste fabbriche erano inizialmente orientate alla produzione di orologi per l’aristocrazia e per il governo.
  • Imprese private: Analisi dello sviluppo delle fabbriche private e delle cooperative artigianali, inclusi i metodi di produzione e le difficoltà incontrate, come la concorrenza estera. È interessante notare come le imprese private abbiano spesso collaborato con artigiani locali per migliorare la qualità dei prodotti.
  • Artigianato e tecnologia: Esame delle tecniche di produzione e dell’innovazione tecnologica nelle officine e nelle fabbriche, con focus su materiali, strumenti e design. Un punto specifico è l’uso di materiali locali e tecniche tradizionali combinate con innovazioni moderne per creare orologi unici.

Sezione Seconda: Caratteristiche e problemi dello sviluppo della produzione di orologi russi nel XVIII – inizio XX secolo.

Capitolo 3: Importazione di prodotti di orologeria e il suo impatto sulla produzione russa – Pagina 121

Questo capitolo si concentra sull’influenza delle importazioni di orologi stranieri sul mercato russo e sulla produzione locale. Viene esplorato come l’afflusso di prodotti esteri abbia spinto i produttori russi a migliorare la qualità e ad adottare nuove tecnologie.

  • Importazioni iniziali: Storia delle prime importazioni di orologi in Russia e il loro impatto sul mercato interno. Una curiosità è che alcuni degli orologi più preziosi importati in Russia provenivano dalla Svizzera e dalla Germania.
  • Concorrenza straniera: Analisi delle dinamiche di concorrenza tra i produttori russi e le aziende straniere, e le strategie adottate dai russi per rimanere competitivi. Un punto specifico è l’adozione di tecnologie avanzate e design innovativi per competere con i produttori stranieri.
  • Adattamento tecnologico: Discussione su come i produttori russi abbiano incorporato tecnologie e design stranieri per migliorare i loro prodotti. È interessante notare come le fiere e le esposizioni internazionali abbiano facilitato l’acquisizione di nuove tecnologie.
Capitolo 4: Preparazione di personale qualificato per la produzione di orologi – Pagina 159

Il quarto capitolo esamina i metodi di formazione e le istituzioni educative dedicate alla preparazione di orologiai qualificati. L’autrice discute l’importanza delle scuole artigianali, delle accademie e delle iniziative governative per sviluppare competenze specializzate nel settore dell’orologeria.

  • Formazione iniziale: Esplorazione dei primi programmi di formazione per orologiai e la loro evoluzione nel tempo. Una curiosità è che molte scuole di orologeria furono fondate con il sostegno diretto dello zar e dell’aristocrazia.
  • Istituzioni educative: Dettagli sulle scuole e accademie che hanno giocato un ruolo cruciale nella formazione di orologiai qualificati, inclusi i curriculum e le metodologie di insegnamento. Un punto specifico è l’uso di laboratori pratici e di apprendistati per garantire una formazione completa.
  • Influenza estera sulla formazione: Discussione su come i maestri stranieri abbiano contribuito alla formazione dei talenti locali e il trasferimento di conoscenze tecnologiche. È interessante come alcuni dei migliori orologiai russi abbiano studiato all’estero prima di tornare in patria per contribuire allo sviluppo dell’industria locale.

Conclusione – Pagina 174

La conclusione riassume i principali risultati della ricerca, sottolineando l’importanza storica della produzione di orologi in Russia e il suo contributo al progresso industriale del paese. L’autrice offre una riflessione critica sui risultati ottenuti e suggerisce direzioni future per ulteriori studi in questo campo. Una curiosità interessante è la previsione dell’autrice sul futuro dell’industria orologiera russa, evidenziando le potenzialità di rinascita grazie alle nuove tecnologie e alla crescente domanda di prodotti di alta qualità.

Bibliografia – Pagina 184

L’ultima sezione del libro fornisce un elenco dettagliato delle fonti e delle opere citate nella ricerca, offrendo una risorsa preziosa per chi desidera approfondire ulteriormente la storia della produzione di orologi in Russia. Un punto interessante è l’ampiezza delle fonti utilizzate, che includono documenti d’archivio, pubblicazioni contemporanee e materiali provenienti da esposizioni industriali.


Capitolo 1: Inizio della produzione di orologi e attività delle officine di orologeria nelle diverse regioni della Russia

La produzione di orologi in Russia, più di altre industrie, riflette il benessere economico del paese e la sua integrazione nella produzione mondiale. Solitamente, la produzione di strumenti per la misurazione del tempo è considerata parte del settore della meccanica. Molti meccanici che lavoravano in varie aree della meccanica inizialmente erano orologiai.

Con lo sviluppo della civiltà, gli strumenti per la misurazione del tempo diventano sempre più necessari nella vita quotidiana delle persone. Di conseguenza, aumenta il numero di orologi prodotti, così come la varietà delle tipologie e dei campi di applicazione, creando i presupposti per l’apertura di nuove officine e fabbriche.

Origini e Diffusione

L’invenzione degli orologi ha contribuito a un cambiamento significativo nella coscienza collettiva: il dominio dello spazio durante il periodo medievale veniva gradualmente sostituito dal tempo misurabile e dal suo produttore meccanico, l’orologio. Gli orologi sono spesso chiamati “archetipo” di tutti gli strumenti di misurazione, “prodotto” della meccanica primitiva, che, secondo lo studioso americano Lewis Mumford, “sincronizzavano le reazioni umane non con il sorgere e il tramontare del sole, ma con il movimento delle lancette dell’orologio”.

La regolarità di questo movimento è convenzionalmente accettata come il movimento del tempo, e la regolarità degli intervalli sulla scala permette di trasformare questo movimento uniforme in punti sulla scala a cui possono essere attribuiti valori numerici. In sostanza, gli orologi non misurano il tempo, ma trasformano il movimento omogeneo e uniforme in un sistema di punti associati ai numeri.

Produzione nelle Diverse Regioni

A San Pietroburgo, ad esempio, esisteva una base scientifica e produttiva potente: la Camera degli Strumenti dell’Accademia delle Scienze, le Classi degli Strumenti e degli Orologi dell’Accademia delle Belle Arti, la cui attività ha dato un enorme contributo allo sviluppo della strumentazione domestica. Inoltre, queste città ospitavano produzioni vicine all’orologeria, come la meccanica di precisione, ad esempio, la produzione di armi. Nelle fabbriche di armi di Tula e Sestroretsk, oltre alla produzione di armi vittoriose, venivano realizzati anche oggetti domestici, serrature, bilance, scatole, macchine per cucire e strumenti scientifici.

Queste erano zone con un’industria metallurgica sviluppata, come le fabbriche Demidov degli Urali a Nizhny Tagil ed Ekaterinburg. Gli esemplari dai fondi del GIM (Museo Storico Statale) testimoniano che la produzione di orologi era stabilita in città situate all’incrocio delle rotte commerciali, ad esempio, ad Astrakhan e Arkhangelsk. I centri più grandi e sviluppati della produzione di orologi nel XVIII-XIX secolo erano Mosca e San Pietroburgo.

Sviluppo delle Officine

Nella seconda metà del XVIII secolo e all’inizio del XIX secolo, a Mosca fiorì la produzione artigianale: gioielli, galanterie, oggetti d’oro, e altre merci. Funzionavano botteghe di calzolai, cappellai, tintori, fabbriche di carte da gioco, mattoni e altre. Questo fu facilitato dall’emissione, a metà del XVIII secolo, di decreti sulla libertà di esercitare l’artigianato. Ad esempio, il decreto del 17 aprile 1767 consentiva agli abitanti delle città di svolgere “mestieri per il proprio beneficio”.

Alla fine del XIX secolo, il commerciante Fedor Vinogradov aprì un’officina di assemblaggio di orologi nella sua tenuta vicino a Mosca. Questa officina produceva fino a 150.000 orologi all’anno e la fabbrica di questa compagnia si trovava in Svizzera, da dove venivano spediti orologi smontati, prevalentemente i più economici. Gli orologi assemblati a Mosca venivano venduti a prezzi che andavano da 1 rublo e 75 copechi a 3 rubli e 50 copechi.

Importanza delle Officine Familiari

È importante sottolineare che, oltre agli stabilimenti di Stato, in Russia nel XVIII-XIX secolo esistevano piccole officine artigianali private per la produzione di orologi. Come evidenziano i documenti conservati negli archivi, queste erano principalmente di tipo familiare. Nella seconda metà del XIX secolo, vennero create piccole fabbriche private per la produzione di orologi semplici. Questi venivano realizzati con attrezzature primitive e quindi differivano poco dai prodotti simili realizzati nelle officine artigianali.

Con l’avvicinarsi della fine del XIX secolo, nelle fabbriche si instaurò una divisione del lavoro: si distinguevano i lavoratori addetti alla stampatura delle ruote, alle lancette, agli assemblaggi, alle suonerie (che producevano orologi con campane), e agli armadietti. Questo dimostra che la produzione di orologi in Russia stava gradualmente formando un’organizzazione del lavoro in stile manifatturiero.

I materiali delle ricerche condotte mostrano che Mosca e San Pietroburgo erano grandi centri per l’assemblaggio e la vendita di orologi. Ad esempio, nel 1856 a Mosca c’erano 35 piccole officine di orologi, dotate di macchine a pedale, con morsetti avvitabili e un numero di lavoratori che variava tra 8 e 12 persone.

Capitolo 2: Produzione di orologi nelle fabbriche di Stato e private in Russia (XVIII – inizio XX secolo)

Introduzione

La produzione di orologi in Russia rifletteva il benessere economico e il livello di integrazione del paese nella produzione mondiale. Nel XVIII secolo, sotto il regno di Caterina II, vennero fondate le prime fabbriche di orologi statali, che rappresentarono un passo significativo verso lo sviluppo di un’industria orologiera nazionale. Queste fabbriche non solo fornivano orologi all’aristocrazia russa, ma svolgevano anche un ruolo chiave nell’innalzare il prestigio del settore manifatturiero russo.

Le Prime Fabbriche di Stato

Le prime fabbriche di orologi statali in Russia furono istituite sotto l’influenza diretta di Caterina II. Nel 1764, Caterina emise un decreto per la creazione di fabbriche di orologi a Mosca, San Pietroburgo e nella tenuta di Kupavna. Queste fabbriche, benché chiamate “fabbriche”, erano in realtà manifatture su piccola scala con equipaggiamenti piuttosto primitivi rispetto agli standard europei. La creazione di queste fabbriche rispondeva a diverse esigenze:

  • Esempio Europeo: Caterina II era ispirata dal suo corrispondente Voltaire, che aveva stabilito una colonia di orologiai a Ferney, vicino a Ginevra.
  • Riduzione delle Importazioni: Voleva ridurre la dipendenza dalle costose importazioni di orologi dall’Europa.
  • Sviluppo Economico: Intendeva promuovere lo sviluppo economico e l’industria nazionale.

Produzione nelle Fabbriche di Stato

Le fabbriche di Mosca, San Pietroburgo e Kupavna producevano una varietà di orologi, tra cui orologi da tasca in preziosi involucri di oro e argento. Questi orologi erano realizzati con standard europei di alta qualità, ma la produzione era limitata. Le fabbriche erano dotate di macchinari avanzati per l’epoca, come presse, torni e strumenti per la finitura e la lucidatura dei metalli.

Chiusura delle Fabbriche

A causa di vari problemi, tra cui la mancanza di finanziamenti, le fabbriche statali di orologi chiusero all’inizio del XIX secolo. Tuttavia, l’esperienza acquisita in queste fabbriche non andò completamente persa e contribuì allo sviluppo successivo della produzione di orologi in Russia.

Fabbriche Private

Nella seconda metà del XIX secolo, emersero numerose piccole fabbriche private che si concentravano sulla produzione di orologi più semplici e meno costosi. Queste fabbriche utilizzavano attrezzature rudimentali e spesso non si differenziavano molto dalle officine artigianali. Un esempio notevole è la fabbrica aperta da Fedor Vinogradov vicino a Mosca, che assemblava orologi con componenti importati dalla Svizzera.

Divisione del Lavoro e Innovazione

Verso la fine del XIX secolo, la produzione di orologi in Russia iniziò a mostrare segni di organizzazione industriale, con una divisione del lavoro più definita:

  • Produzione Specializzata: I lavoratori si specializzavano in diverse fasi della produzione, come la stampatura delle ruote, l’assemblaggio dei meccanismi e la fabbricazione delle casse.
  • Innovazione Tecnologica: L’introduzione di macchinari avanzati e la standardizzazione dei processi produttivi aumentarono l’efficienza e la qualità dei prodotti.

Influenza delle Importazioni

L’importazione di orologi stranieri continuava a influenzare pesantemente il mercato russo. Molte delle innovazioni tecnologiche e dei design venivano adottate dai produttori russi per migliorare la competitività dei loro prodotti. Le esposizioni internazionali giocavano un ruolo cruciale nel trasferimento di conoscenze tecnologiche e nella promozione dei prodotti russi all’estero.

Conclusione

La produzione di orologi in Russia durante il XVIII e il XIX secolo rappresenta una parte significativa dello sviluppo industriale del paese. Nonostante le difficoltà, le iniziative di produzione statale e privata contribuirono a creare una base per l’industria orologiera russa. Questo periodo storico dimostra l’importanza del supporto governativo e dell’innovazione tecnologica per lo sviluppo di un’industria competitiva a livello internazionale.

Capitolo 3: Importazione di prodotti di orologeria e il suo impatto sulla produzione russa

Introduzione

La storia dell’importazione di orologi in Russia risale ai tempi di Ivan il Terribile, quando gli orologi venivano portati come doni diplomatici. L’influenza delle importazioni di orologi stranieri ha avuto un impatto significativo sulla produzione interna, stimolando innovazione e competizione.

Importazione di Orologi nel XIX Secolo

Nel XIX secolo, l’importazione di orologi in Russia era dominata dai prodotti svizzeri, in particolare dagli orologi da tasca. Alla fine del XIX secolo, la Svizzera era il principale fornitore di meccanismi e orologi completi, spesso incassati in gusci d’oro o decorati con dettagli in oro.

Dati sull’Importazione
  • Svizzera: Nel 1897, la Svizzera ha esportato in Russia 32.834 orologi, nel 1898 31.541, e nel 1899 34.060.
  • Germania: La Germania ha esportato 8.855 orologi nel 1897, 8.851 nel 1898 e 8.035 nel 1899.
  • Francia: La Francia ha esportato 1.188 orologi nel 1897, 1.186 nel 1898 e 1.206 nel 1899.
Meccanismi per Orologi da Tasca
  • Svizzera: 262 meccanismi nel 1897, 3.257 nel 1898 e 3.786 nel 1899.
  • Germania: 62 meccanismi nel 1897, 2.020 nel 1898 e 769 nel 1899.

Effetti delle Importazioni

L’importazione di orologi stranieri ha avuto diversi effetti sull’industria russa:

  • Competizione: Ha stimolato i produttori russi a migliorare la qualità dei loro prodotti per competere con quelli esteri.
  • Innovazione: Ha portato all’adozione di nuove tecnologie e tecniche di produzione in Russia.
  • Formazione: Ha incentivato la formazione di orologiai qualificati in Russia per ridurre la dipendenza dalle importazioni.

Difficoltà nella Produzione Interna

Nonostante gli sforzi per sviluppare una produzione di orologi interna, la Russia ha affrontato diverse sfide:

  • Mancanza di Tecnologia: Le tecnologie di produzione avanzate erano spesso importate e non sviluppate localmente.
  • Capitale Insufficiente: L’elevato costo del capitale necessario per avviare e mantenere una produzione di orologi di qualità.
  • Concorrenza Straniera: La presenza dominante di orologi stranieri di alta qualità rendeva difficile per i produttori russi affermarsi sul mercato.

Esposizioni Industriali

Le esposizioni industriali internazionali e nazionali hanno giocato un ruolo cruciale nel trasferimento di conoscenze e tecnologie. Gli orologiai russi partecipavano a queste esposizioni per apprendere le nuove tecniche e standard internazionali, che poi cercavano di implementare nelle loro produzioni.

Conclusione

Il capitolo conclude con una riflessione sull’importanza delle importazioni per lo sviluppo dell’industria orologiera russa. Nonostante le sfide, l’influenza degli orologi importati ha avuto un effetto positivo, stimolando innovazione e miglioramento della qualità nella produzione locale.

Dati e Curiosità Aggiuntive

  • Nel 1913, in Russia furono importati circa 3,5 milioni di orologi di vari tipi, esclusi gli orologi da tasca.
  • Durante il periodo rivoluzionario (1917-1923), l’importazione di orologi e componenti quasi si fermò, causando una significativa carenza di questi beni in Russia.
  • Le fiere commerciali e industriali, come quelle di Mosca e San Pietroburgo, erano eventi cruciali dove i produttori russi potevano confrontarsi con i loro pari stranieri e adottare nuove tecnologie.

Capitolo 4: Preparazione di personale qualificato per la produzione di orologi

Introduzione

La formazione e la preparazione di personale qualificato sono stati elementi cruciali per lo sviluppo della produzione di orologi in Russia. Dal XVIII al XIX secolo, diversi centri di produzione orologiera hanno anche funto da luoghi di apprendimento per futuri maestri orologiai. L’importanza di queste istituzioni e dei metodi di formazione è stata fondamentale per creare una base solida per l’industria orologiera russa.

Centri di Formazione Iniziale

I primi centri di formazione per orologiai in Russia erano spesso legati a stabilimenti produttivi già esistenti:

  • Compasso dell’Ammiragliato: Uno dei primi centri di formazione era la bottega del compasso presso l’Ammiragliato, dove venivano prodotti strumenti di misurazione del tempo per la marina.
  • Bottega di Yakov Bruce: Un altro importante centro era la bottega del noto scienziato e statista Yakov Bruce, che combinava la produzione di strumenti scientifici con la formazione degli artigiani.
  • Palazzo degli Strumenti dell’Accademia delle Scienze: L’Accademia delle Scienze ospitava una bottega dove si producevano strumenti di precisione e si formavano nuovi artigiani.
  • Officina Meccanica della Fabbrica di Armi di Tula: Questa officina non solo produceva armi, ma fungeva anche da centro di apprendimento per i meccanici e gli orologiai.

Scuole Tecniche e Apprendistati

Nel 1701, a Mosca, venne istituita la prima scuola tecnica della Russia, la Scuola di Matematica e Navigazione, dove si formavano geometri e si producevano strumenti matematici e fisici. Qui si fabbricavano anche orologi solari, e gli studenti acquisivano competenze sia teoriche che pratiche.

La Scuola degli Orologi nella Torre Spasskaya del Cremlino di Mosca è un altro esempio significativo. In questa scuola, i figli dei soldati venivano istruiti nell’arte dell’orologeria. Gli allievi non solo apprendevano le tecniche di base, ma partecipavano attivamente alla produzione di orologi, contribuendo a pezzi che oggi sono conservati nei musei.

Evoluzione della Formazione

Con l’avvento del XIX secolo, la necessità di orologiai qualificati crebbe esponenzialmente, portando all’istituzione di ulteriori scuole e programmi formativi:

  • Scuola di Orologeria di San Pietroburgo: Fondata con il supporto del Ministero delle Finanze nel 1900, la scuola offriva un corso quinquennale con una specializzazione in meccanica e orologeria. Gli studenti iniziavano la specializzazione dal secondo anno e l’intero programma era strettamente legato alla pratica.
  • Iniziative Private e Governative: Diverse iniziative sia private che governative miravano a formare un numero sufficiente di artigiani competenti. Le scuole tecniche e le accademie fornirono una formazione strutturata, mentre le botteghe artigiane e le fabbriche offrivano apprendistati pratici.

Importanza dei Maestri Stranieri

L’influenza dei maestri stranieri fu significativa. Molti orologiai russi si formarono all’estero o sotto la guida di esperti stranieri in Russia. Questi maestri non solo trasferivano conoscenze tecniche, ma introducevano anche nuove metodologie di produzione e standard di qualità.

Impatti a Lungo Termine

La formazione tecnica e la preparazione pratica degli orologiai russi hanno creato una base solida per lo sviluppo dell’industria orologiera nel paese. Questi sforzi hanno contribuito a ridurre la dipendenza dalle importazioni e a migliorare la qualità della produzione locale.

Conclusione

La preparazione di personale qualificato è stata essenziale per il successo dell’industria orologiera russa. Le iniziative educative e formative, sia a livello governativo che privato, hanno permesso la creazione di una forza lavoro competente e innovativa, capace di affrontare le sfide del mercato internazionale e di sviluppare un’industria nazionale competitiva.

Capitolo 5: Conclusione

La conclusione del libro “Из истории развития часового производства в России” di Olga Nikolaevna Melnikova riassume i principali risultati della ricerca e riflette sull’importanza storica dell’industria dell’orologeria in Russia. Questo capitolo evidenzia come la produzione di orologi abbia avuto un ruolo significativo nel progresso tecnologico e socio-economico del paese e offre prospettive sulle future direzioni di ricerca e sull’importanza di preservare il patrimonio culturale e tecnico dell’orologeria russa.

Sintesi dei Risultati

  1. Origini e Sviluppo:
    • La storia dell’orologeria in Russia si estende per oltre sei secoli, a partire dall’installazione dei primi orologi meccanici nel Cremlino di Mosca. Questo sviluppo è stato influenzato dalle innovazioni tecnologiche europee e dall’adozione di tecniche avanzate nella produzione di orologi.
  2. Fabbriche di Stato e Private:
    • Le prime fabbriche di orologi in Russia furono fondate sotto il regno di Caterina II, con l’obiettivo di ridurre la dipendenza dalle importazioni e promuovere l’industria nazionale. Nonostante le sfide finanziarie e tecnologiche, queste fabbriche contribuirono a creare una base solida per l’industria orologiera russa.
  3. Importazioni e Innovazione:
    • L’importazione di orologi stranieri, principalmente dalla Svizzera e dalla Germania, ha avuto un impatto significativo sul mercato russo. Questo ha stimolato i produttori locali a migliorare la qualità e l’innovazione tecnologica dei loro prodotti.
  4. Formazione di Personale Qualificato:
    • La formazione di orologiai qualificati è stata essenziale per il successo dell’industria. Scuole tecniche, accademie e iniziative governative hanno fornito le competenze necessarie per sostenere la produzione interna.

Importanza Storica

  • Progresso Tecnologico:
    • La produzione di orologi ha contribuito al progresso tecnologico in Russia, introducendo nuove tecniche e strumenti che hanno influenzato altre aree della meccanica di precisione e della strumentazione scientifica.
  • Impatto Socio-Economico:
    • L’industria orologiera ha svolto un ruolo importante nello sviluppo economico, creando posti di lavoro e promuovendo l’innovazione. Ha anche avuto un impatto culturale, poiché gli orologi divennero simboli di status e modernità.

Direzioni Future di Ricerca

  • Studi Approfonditi:
    • La ricerca suggerisce la necessità di ulteriori studi approfonditi per comprendere meglio le dinamiche interne dell’industria orologiera russa. Questo include l’analisi delle singole fabbriche, delle tecniche di produzione e delle storie personali degli artigiani.
  • Preservazione del Patrimonio:
    • È essenziale preservare e valorizzare il patrimonio culturale e tecnico dell’orologeria russa. Questo può essere realizzato attraverso la conservazione dei manufatti, la documentazione delle tecniche tradizionali e la promozione della storia dell’orologeria russa in contesti educativi e museali.

Conclusione

La produzione di orologi in Russia ha una lunga e ricca storia che continua a influenzare il presente. Nonostante le sfide, l’industria orologiera russa ha dimostrato una notevole capacità di innovazione e adattamento. La conclusione del libro invita a riconoscere l’importanza di questo settore e a sostenere ulteriori ricerche e iniziative per preservare e promuovere la tradizione orologiera russa.

Questa sintesi del capitolo conclusivo offre una panoramica dettagliata dei principali risultati della ricerca e delle riflessioni dell’autrice sull’importanza storica e futura dell’industria orologiera in Russia.

I Codici dei Vostok: Guida Completa

I Codici dei Vostok: Guida Completa

Gli orologi Vostok, prodotti in Russia, rappresentano un’icona di affidabilità e robustezza nel panorama degli orologi da polso. Conosciuti per la loro capacità di resistere a condizioni estreme, questi orologi sono apprezzati sia dai collezionisti che dagli appassionati. La loro storia affonda le radici nell’era sovietica, periodo durante il quale vennero sviluppati per soddisfare le esigenze dell’esercito e dei civili. In questo saggio, esploreremo in dettaglio i codici identificativi utilizzati per descrivere i movimenti e le casse degli orologi Vostok. Per comodità, la notazione ABCDE/FGHIJKH è presa dal sito: russian-codes (netgrafik.ch)

Come leggere i codici delle casse e dei movimenti

I codici dei movimenti e delle casse russe/sovietiche seguono un formato specifico: ABCDE/FGHIJKH.

ABCDE

  • AB: Diametro del movimento in mm.
  • CD, CDE: Specifica del movimento sovietico.

FGH

  • FGH: Variazione della cassa. Ogni combinazione di numeri rappresenta un diverso design o stile di cassa.

I

  • I: Materiale della cassa. Ecco alcuni esempi dai modelli Vostok:
    • 0: Acciaio inossidabile e altri metalli senza placcatura.
    • 1: Cromato.
    • 2: Placcato oro.
    • 3: Dorato (almeno 5 micron).
    • 4: Rivestito a colori.
    • 5: Sintetico, polimero, gomma.
    • 7: Lega di titanio.
    • 9: Vetro, cristallo, ceramica, marmo.

JKH

  • JKH: Set di lancette. Ogni combinazione rappresenta uno specifico tipo di lancette usato sull’orologio.

Classificazione delle Casse Vostok

La tabella seguente categorizza le diverse casse utilizzate nei modelli di orologi Vostok. Le informazioni sono organizzate in base al codice della cassa (FGH), il materiale della cassa (I), il modello dell’orologio e la forma della cassa.

Tabella delle Casse Vostok

Codice FGHMateriale ICodice JKHModelloMateriale CassaForma Cassa
350XXXAmphibiaAcciaioTonneau
1190XXXAmphibiaAcciaioOttagonale
710XXXAmphibiaAcciaioOttagonale
470XXXAmphibiaAcciaioCarre
320XXXAmphibiaAcciaioTonneau
9370XXXAmphibiaAcciaioRotonda
960XXXAmphibiaAcciaioBig Lug
250XXXAmphibiaAcciaioMinistry
020XXXAmphibiaAcciaioRotonda
420XXXAmphibiaAcciaioRotonda
6277XXXAmphibiaLega di titanioTonneau
381XXXKomandirskieCromatoRotonda
383XXXKomandirskiePlaccato OroRotonda
781XXXKomandirskieCromatoRotonda
783XXXKomandirskiePlaccato OroRotonda
441XXXKomandirskieCromatoCarre
443XXXKomandirskiePlaccato OroCarre
791XXXKomandirskieCromatoRotonda
793XXXKomandirskiePlaccato OroRotonda
1391XXXKomandirskieCromatoRotonda
1393XXXKomandirskiePlaccato OroRotonda
291XXXKomandirskieCromatoRotonda
293XXXKomandirskiePlaccato OroRotonda
341XXXKomandirskieCromatoCarre
349XXXKomandirskieTiNCarre
331XXXKomandirskieCromatoTonneau
339XXXKomandirskieTiNTonneau
091XXXGeneralskieCromatoRotonda

Materiali delle Casse

Le casse degli orologi Vostok sono realizzate con vari materiali, ciascuno con le proprie caratteristiche di durabilità e estetica:

  • Acciaio Inossidabile (0): Offre una resistenza eccezionale alla corrosione e una lunga durata. È il materiale predominante per i modelli Amphibia, noti per la loro robustezza.
  • Cromato (1): Utilizzato principalmente nei modelli Komandirskie, offre una finitura lucida e una buona resistenza alla corrosione.
  • Placcato Oro (3): Presente in alcuni modelli Komandirskie, conferisce un aspetto lussuoso e raffinato.
  • Lega di Titanio (7): Leggero e altamente resistente, è utilizzato per modelli come l’Amphibia per una maggiore durevolezza.
  • TiN (Titanium Nitride) (9): Utilizzato per la sua estrema durezza e resistenza ai graffi, oltre a fornire una distintiva finitura dorata.

Forme delle Casse

Le casse degli orologi Vostok sono disponibili in diverse forme, ciascuna con un design unico per soddisfare vari gusti e preferenze estetiche:

  • Tonneau: Una forma a botte elegante e distintiva.
  • Ottagonale: Un design a otto lati, spesso associato a robustezza.
  • Carre: Una forma quadrata o rettangolare che offre un aspetto classico.
  • Rotonda: La forma più comune e versatile, adatta a qualsiasi stile.

Modelli Principali

  • Amphibia: Famosi per la loro resistenza all’acqua e costruzione robusta, questi orologi sono equipaggiati con casse in acciaio inossidabile o lega di titanio. Progettati originariamente per le forze navali sovietiche, sono diventati popolari tra i subacquei e gli avventurieri.
  • Komandirskie: Questi orologi, benché ispirati all’ambiente militare, non sono stati ufficialmente utilizzati dalle forze armate. Sono disponibili in versioni cromate, placcate in oro e TiN e sono noti per il loro design classico e l’affidabilità.
  • Generalskie: Anche questi orologi hanno uno stile militareggiante, ma non ci sono prove del loro uso ufficiale in ambito militare. Spesso includono modelli con casse cromate.

Conclusione

Gli orologi Vostok rappresentano un connubio perfetto tra storia, ingegneria e design. La diversità delle casse, sia in termini di materiali che di modelli e forme, offre agli appassionati una vasta gamma di scelte. Che tu sia un collezionista o semplicemente un amante degli orologi, i modelli Vostok con le loro caratteristiche uniche e la loro affidabilità rappresentano una scelta eccellente. La loro storia e la continua evoluzione delle loro caratteristiche li rendono un argomento affascinante per chiunque sia interessato all’orologeria.

Il tempo nello spazio di Anna Pegna

Il tempo nello spazio di Anna Pegna

“Il tempo nello spazio” di Anna Pegna è un libro che ha catturato l’interesse di molti collezionisti e appassionati di orologeria russa e sovietica. Pubblicato da Effequ nel 2010, questo testo offre una dettagliata esplorazione degli orologi e delle imprese astronautiche nella Russia del Novecento, rendendolo un’opera imprescindibile per chi desidera comprendere meglio l’interconnessione tra tecnologia, storia e avventure spaziali sovietiche.

Un Capolavoro Ricercato dai Collezionisti

“Il tempo nello spazio” è un libro fuori catalogo, che si può trovare solo usato. Anche l’autrice, Anna Pegna, non possiede più i file originali del libro, rendendo impossibile una ristampa. Questo fattore ha aumentato il valore del libro tra i collezionisti, rendendolo un pezzo molto ambito.

Un’Analisi Dettagliata e Avvincente

Capitolo 1: Gli Inizi

Il primo capitolo, intitolato “Gli inizi”, traccia la storia dell’orologeria russa dall’epoca zarista fino alla Rivoluzione d’Ottobre. La Russia del XIX secolo è descritta come un paese prevalentemente agricolo, con poche industrie e una scarsa tradizione orologiera. La narrazione si sofferma sulle prime esperienze di costruzione di orologi, come quella di Pavel Bure, che fondò una fabbrica nel 1815 utilizzando movimenti svizzeri. Viene raccontato anche il contributo di pionieri come Piotr Vasil’evich Khautskij e Konstantin Tsiolkovskij, che posero le basi per la futura meccanica di precisione e la cosmonautica russa.

Capitolo 2: Le Prime Fabbriche del Nuovo Regime

Il secondo capitolo esamina le trasformazioni avvenute dopo la Rivoluzione d’Ottobre, quando il governo sovietico riconobbe l’importanza della produzione di precisione. Viene descritta l’acquisizione della fabbrica americana Dueber-Hampden e il suo trasferimento in Russia. La fondazione della Prima Fabbrica di Orologi di Stato a Mosca segna l’inizio della produzione di orologi sovietici, con i primi modelli come il Tipo-1. Questo capitolo illustra anche le difficoltà iniziali e la necessità di sviluppare una produzione autonoma e indipendente dalla tecnologia straniera.

Capitolo 3: Le Fabbriche di Orologi di Guerra

Il terzo capitolo, “Le fabbriche di orologi di guerra”, descrive il ruolo cruciale dell’orologeria durante la Seconda Guerra Mondiale. Le fabbriche sovietiche furono trasferite verso est per proteggerle dagli attacchi tedeschi, e la produzione si concentrò su orologi militari e strumenti di precisione per l’aviazione e la marina. Viene raccontata la storia della fabbrica di Zlatoust, che continuò a produrre munizioni e parti per razzi Katiusha, e della Seconda Fabbrica di Mosca, trasferita a Chistopol. Il capitolo evidenzia l’importanza strategica degli orologi di precisione nelle operazioni belliche.

Capitolo 4: Le Fabbriche di Orologi nel Sistema Sovietico

Il quarto capitolo si concentra sull’organizzazione e gestione delle fabbriche di orologi nel sistema sovietico. Le fabbriche non erano entità autonome, ma parte di un unico sistema statale. Ogni fabbrica aveva i propri marchi distintivi, ma spesso condividevano tecnologie e movimenti. Questo capitolo esplora come le fabbriche collaboravano tra loro e come erano integrate nel più ampio contesto dell’economia pianificata sovietica.

Capitolo 5: Il Dopoguerra

Il quinto capitolo, “Il dopoguerra”, descrive la ripresa della produzione di orologi dopo la guerra. Viene descritto come le fabbriche, una volta tornate alla normalità, ripresero la produzione di massa e introdussero nuovi modelli come il Pobeda. Questo capitolo esamina anche l’influenza della tecnologia tedesca sui cronografi sovietici e il ruolo delle riparazioni di guerra nella ricostruzione dell’industria orologiera. Si approfondisce la storia dei movimenti su licenza LIP e l’evoluzione delle fabbriche principali, come la Kirova e la Raketa.

Capitolo 6: Uomini (e Donne) Nello Spazio

Questo capitolo offre una panoramica sulle imprese spaziali sovietiche e il ruolo cruciale degli orologi in queste missioni. Viene narrata la storia di Yuri Gagarin, il primo uomo nello spazio, e dell’orologio Shturmanskie che indossava. Altri personaggi chiave come Valentina Tereskova, la prima donna nello spazio, e Alexey Leonov, il primo uomo a effettuare una passeggiata spaziale, vengono descritti insieme agli orologi che li accompagnarono.

Capitolo 7: Oltre la Cortina di Ferro

Il settimo capitolo esplora la diffusione e l’influenza degli orologi sovietici oltre i confini dell’URSS. Viene descritto come questi orologi divennero popolari nei paesi del blocco orientale e come furono percepiti in Occidente. Il capitolo evidenzia le strategie di esportazione e la reputazione internazionale degli orologi sovietici.

Capitolo 8: Altre Fabbriche Sovietiche

Questo capitolo si concentra su altre fabbriche di orologi sovietiche meno conosciute ma comunque significative. Viene descritta la storia di fabbriche come la Raketa, la Chaika, la Zarja e la Molnija, e i loro contributi unici all’orologeria sovietica. Il capitolo esplora anche le peculiarità di ciascuna fabbrica e i modelli distintivi che produssero.

Capitolo 9: Dopo Kruscev

Il nono capitolo analizza le trasformazioni nell’industria orologiera sovietica dopo la caduta di Kruscev. Viene esaminato come le politiche di Brezhnev influenzarono la produzione e lo sviluppo tecnologico. Questo capitolo descrive anche i nuovi modelli introdotti durante questo periodo e le sfide affrontate dall’industria.

Capitolo 10: Orologi degli Anni ’70

Il decimo capitolo si concentra sugli orologi prodotti negli anni ’70, un periodo di innovazione e diversificazione. Vengono descritti modelli iconici come il Raketa Copernicus e il Poljot Okean. Il capitolo esamina anche le tendenze di design e le tecnologie emergenti di questo decennio.

Capitolo 11: Orologi degli Anni ’80

Questo capitolo esplora gli sviluppi nell’orologeria sovietica durante gli anni ’80. Viene descritta l’influenza delle Olimpiadi di Mosca del 1980 sugli orologi prodotti e come gli eventi politici e sociali di questo periodo influenzarono l’industria. Modelli come il Poljot e il Vostok sono discussi in dettaglio.

Capitolo 12: Navicelle e Stazioni Spaziali

Il dodicesimo capitolo offre una panoramica sulle missioni spaziali sovietiche e sugli orologi utilizzati a bordo delle navicelle e delle stazioni spaziali. Viene descritto il ruolo degli orologi nella cronometrazione e nel coordinamento delle missioni spaziali, evidenziando l’importanza della precisione e affidabilità.

Capitolo 13: Epilogo

L’ultimo capitolo, “Epilogo”, riassume le principali tematiche trattate nel libro e riflette sull’eredità dell’orologeria sovietica. Viene discussa la rilevanza storica e culturale degli orologi sovietici e il loro posto nel collezionismo moderno. Il capitolo conclude con considerazioni sull’importanza di preservare questa eredità storica.

Un Libro Essenziale per gli Appassionati

La recensione del libro è decisamente positiva. “Il tempo nello spazio” è considerato ben scritto e coinvolgente, fornendo non solo dettagli tecnici sugli orologi, ma anche una ricca narrazione storica che contestualizza l’evoluzione tecnologica nell’ambito delle avventure spaziali sovietiche. Questo libro non dovrebbe mancare nella libreria di un appassionato di orologeria russa e sovietica, specialmente per chi ha un interesse specifico nelle storie di avventure e nella corsa allo spazio.

Gli Orologi Sovietici: Un Fascino Unico

Uno degli aspetti più affascinanti del libro è la descrizione degli orologi russi, noti per la loro robustezza e precisione. Questi orologi, offerti a prezzi accessibili, sono stati i primi a uscire dall’atmosfera terrestre, accompagnando astronauti come Gagarin e Leonov nelle loro storiche missioni.

Conclusione

“Il tempo nello spazio” di Anna Pegna è un’opera che offre una prospettiva unica sull’orologeria sovietica e sulle imprese spaziali del Novecento. Anche se fuori catalogo, questo libro rimane un tesoro per collezionisti e appassionati, rappresentando un pezzo di storia che combina ingegneria, avventura e storia militare. Se non hai ancora letto questo libro, la sua ricerca e acquisizione sono un investimento che arricchirà sicuramente la tua comprensione e apprezzamento per l’orologeria russa e sovietica.

Orologi Vremia: Fascino Sovietico e Qualità Europea

Orologi Vremia: Fascino Sovietico e Qualità Europea

Gli orologi Vremia, conosciuti anche come Vremja (in cirillico время), sono un esempio affascinante di come la collaborazione internazionale possa dare vita a prodotti unici e di alta qualità. Questi orologi nacquero alla fine degli anni ’80, grazie all’azienda italiana Binda, con l’obiettivo di sfruttare la crescente popolarità della cultura sovietica in Occidente.

swiss watch Vremia CCCP
Vremia CCCP

La Nascita del Marchio Vremia

Il marchio BPEMR (BPEMA) CCCP venne ufficialmente registrato il 24 marzo 1989, durante un periodo di apertura commerciale dell’URSS sotto la guida di Gorbaciov. Questa apertura permise l’esportazione di vari prodotti sovietici nei mercati occidentali, dove trovarono un’accoglienza entusiastica grazie al loro fascino esotico e alla qualità robusta.

swiss russian watch vremia
Vremia Red Zero

Caratteristiche degli Orologi Vremia

Gli orologi Vremia si distinguono per una gamma di modelli con movimenti meccanici affidabili, come lo Slava 2414, il Poljot 2612.1 e il Poljot 3133. I loro quadranti, essenziali e puliti, incarnano lo stile sovietico dell’epoca. Alcuni modelli presentano simboli distintivi, come la Stella Rossa, mentre altri sono più sobri, con una piccola scritta “cccp” al centro del quadrante.

swiss watch Vremia Chrono black
Vremia Chrono black

Binda: Il Cuore Italiano degli Orologi Vremia

Fondata nel 1906 da Innocente Binda, l’azienda Binda ha giocato un ruolo cruciale nel settore degli orologi per oltre un secolo. Sotto la guida dei nipoti Simone e Marcello Binda, l’azienda continua a produrre e distribuire orologi di alta qualità. Binda Italia è conosciuta per la sua capacità di combinare design innovativo e tecnologie avanzate, presidiando diverse fasce di mercato con prodotti che spaziano dai modelli fashion a quelli più classici e tecnici, inclusi orologi “Swiss Made”.

swiss russian watch Vremia Pocket
Vremia Pocket watch

L’Unicità degli Orologi Vremia

Gli orologi Vremia rappresentano una perfetta fusione tra la tradizione russa e l’artigianato occidentale. Il modello “zerone rosso” è un esempio emblematico di questo mix, con un design che avrebbe potuto essere tranquillamente prodotto da Poljot. Anche i modelli solo tempo e svegliarini sono molto apprezzati per la loro qualità e design.

Questi orologi sono un vero e proprio ibrido: costruzione italiana con meccanica russa. Pur essendo adattati al mercato italiano, conservano un fascino unico che li distingue dai tradizionali orologi russi. Nonostante le critiche dei puristi, gli orologi Vremia offrono un valore eccezionale, con prezzi accessibili che si aggirano tra i 100 e i 150 euro.

russian watch Vremia B&W
Vremia B&W

Dettagli Unici sul Fondello

Un dettaglio distintivo degli orologi Vremia è la scritta incisa sul fondello, che recita:

“Часы собранные в Швейцарии, двигатель механический подлинный русского производства. Movimento meccanico originale prodotto in Russia, orologio assemblato in Svizzera.”

Questa dicitura evidenzia la combinazione di meccanica russa e assemblaggio svizzero, garantendo l’autenticità e l’alta qualità di questi orologi.

swiss watch Vremia Red star white dial
Vremia Red star white dial

Conclusione

Gli orologi Vremia sono un capitolo affascinante nella storia dell’orologeria, caratterizzati da un mix unico di estetica sovietica e qualità europea. Grazie all’iniziativa dell’azienda Binda, questi orologi riflettono il meglio di due mondi, combinando design accattivante con elevati standard qualitativi. Un vero tesoro per gli appassionati di orologeria che cercano qualcosa di unico e significativo.

Storia della Poljot: Eccellenza dell’Orologeria Sovietica

Storia della Poljot: Eccellenza dell’Orologeria Sovietica

Il marchio Poljot rappresenta uno dei simboli più significativi dell’industria orologiera russa e sovietica, con una storia ricca di successi tecnici e avventure spaziali. Dalla sua fondazione, Poljot ha incarnato l’ambizione sovietica di raggiungere l’autosufficienza tecnologica e di affermarsi come leader mondiale nella produzione di orologi.

Le Origini: Dagli Stati Uniti all’Unione Sovietica

Alla fine degli anni ’20, l’Unione Sovietica dipendeva fortemente dalle importazioni di orologi, una necessità che costava oro prezioso al governo. Per porre fine a questa dipendenza, nel 1927 fu deciso di avviare la produzione interna di orologi. Nel 1929, tramite l’agenzia commerciale Amtorg Trading, il governo sovietico acquistò gli stabilimenti di due fabbriche americane in fallimento: la Ansonia Clock Company e la Dueber-Hampden Watch Company. Ventuno ex dipendenti della Dueber-Hampden si trasferirono a Mosca per addestrare i lavoratori locali, segnando l’inizio della Prima Fabbrica Sovietica di Orologi.

La fabbrica produsse inizialmente quattro modelli principali: un orologio da tasca a 15 rubini per il Ministero delle Comunicazioni, un orologio da polso a 7 rubini per l’Armata Rossa, un orologio da tasca civile a 7 rubini, e un orologio da polso civile da donna a 15 rubini. Grazie all’addestramento ricevuto, i lavoratori locali furono presto in grado di gestire la produzione in modo autonomo.

Il Periodo di Guerra e l’Innovazione

Con l’invasione tedesca durante la Seconda Guerra Mondiale, la fabbrica fu trasferita a Zlatoust per poi ritornare a Mosca nel 1943. In questo periodo, oltre agli orologi, la fabbrica iniziò a produrre munizioni. Nel 1946, venne lanciato il modello K26 Pobeda, seguito nel 1949 dal modello Sturmanskie, destinato esclusivamente all’aviazione militare. Questo orologio divenne celebre quando Jurij Gagarin lo indossò probabilmente durante il primo volo spaziale umano il 12 aprile 1961.

soviet watch Sturmanskie Type 2
Sturmanskie Type 2

Negli anni ’50, la fabbrica continuò a innovare, introducendo il primo orologio automatico con il marchio Rodina nel 1956 e modelli speciali per missioni uniche come la spedizione sovietica in Antartide nel 1957. Nello stesso anno, per celebrare il successo della missione Sputnik, furono prodotti orologi commemorativi che rimasero in produzione solo per un anno.

soviet watch Sputnik gilded case
Sputnik

La Consacrazione del Marchio Poljot

Nel 1960, vennero lanciati i primi modelli con il marchio Poljot, nome che significa “volo” in russo. Il marchio divenne sinonimo di qualità e precisione, esportando orologi in tutto il mondo. Il cronografo Strela, ispirato allo svizzero Venus 150, fu utilizzato da Aleksej Leonov durante la prima passeggiata spaziale nel 1965.

Con l’introduzione del marchio Poljot nel 1964, la fabbrica consolidò tutti i suoi modelli sotto un’unica etichetta. Gli anni ’70 videro un rinnovamento dei movimenti disponibili e l’acquisizione di linee di produzione dalla svizzera Valjoux, che portarono alla creazione del movimento 3133, un cronografo utilizzato sia per scopi militari che civili.

L’Era Post-Sovietica e il Rilancio

Dopo la dissoluzione dell’Unione Sovietica, nel 1992, Poljot fu nominata fornitrice ufficiale del Presidente della Federazione Russa. La ditta cessò la produzione di orologi al quarzo per concentrarsi su un mercato di nicchia, introducendo nuove linee basate sui movimenti 3133 modificati. Tuttavia, la ditta dovette ridimensionarsi e vendere i macchinari ad altre ditte, portando alla fondazione di Volmax da parte di alcuni dipendenti ex-Poljot.

Nonostante le difficoltà, nel 2003 Poljot assunse il nome di Prima Fabbrica Moscovita di Orologi, continuando la produzione per il mercato internazionale. Oggi, il marchio Poljot è riconosciuto per la sua tradizione di precisione e affidabilità, mantenendo viva una storia che è indissolubilmente legata alle avventure dell’aviazione e dello spazio.

Curiosità e Modelli Iconici

Tra i modelli più famosi del marchio Poljot ci sono lo “Sturmanskie” indossato da Gagarin e il cronografo “Strela”, simbolo dell’esplorazione spaziale russa. Gli orologi Poljot sono realizzati a mano da abili artigiani, conferendo loro un carattere distintivo e unico. Le edizioni limitate e la collezione “Aviatore” sono particolarmente apprezzate dai collezionisti per il loro design audace e la leggibilità nella cabina di pilotaggio.

sovien chronograph watch Sturmanskie Air Force
Sturmanskie Air Force

Approfondimenti sulla Storia di Poljot

Gli Anni ’30: La Nascita dell’Industria Orologiera Sovietica

Nel 1930, con la costruzione della fabbrica a Mosca, la produzione di orologi iniziò a ritmo sostenuto. I primi orologi prodotti portavano ancora il marchio Dueber-Hampden, ma presto i tecnici sovietici riuscirono a sviluppare modelli completamente nuovi. La Prima Fabbrica Sovietica di Orologi, ribattezzata nel 1935 in onore di Sergej Kirov, raggiunse un notevole successo, producendo milioni di orologi da tasca e da polso.

Gli Anni ’40: La Guerra e la Ricostruzione

Durante la Seconda Guerra Mondiale, la fabbrica fu evacuata a Zlatoust per evitare la cattura da parte dei tedeschi. Durante questo periodo, oltre alla produzione di orologi, la fabbrica contribuì allo sforzo bellico producendo munizioni e altri materiali militari. Dopo la guerra, nel 1946, la fabbrica lanciò il famoso modello Pobeda, simbolo della vittoria sovietica.

Gli Anni ’50 e ’60: L’Era Spaziale

Negli anni ’50, Poljot iniziò a produrre orologi per l’aviazione militare e per i cosmonauti sovietici. Il modello Sturmanskie, indossato da Gagarin durante il suo storico volo spaziale, divenne un’icona. Con il lancio del primo satellite artificiale Sputnik nel 1957, Poljot celebrò l’evento con un orologio commemorativo. La produzione di orologi automatici e cronografi divenne una priorità, portando alla creazione di modelli come il Rodina e lo Strela.

Gli Anni ’70 e ’80: Innovazione e Espansione

Durante gli anni ’70, Poljot continuò a innovare, introducendo movimenti avanzati come il cronografo 3133. La fabbrica acquisì linee di produzione dalla svizzera Valjoux, consentendo la produzione di orologi di alta qualità sia per il mercato militare che civile. Gli anni ’80 videro un aumento delle esportazioni, con Poljot che divenne un marchio riconosciuto a livello internazionale.

russian watch Poljot chronograph
Poljot chronograph

La Fondazione di Volmax e la Fine della Produzione del 3133

Alla fine degli anni ’90, Poljot cessò la produzione di orologi al quarzo per concentrarsi su movimenti meccanici di alta qualità. Tuttavia, le difficoltà economiche portarono alla vendita di macchinari per la produzione di movimenti ad altre aziende, tra cui Vostok. Nel 2002, alcuni dipendenti scontenti lasciarono Poljot per fondare Volmax, un’azienda che continua a produrre orologi con i marchi Aviator, Buran e Sturmanskie.

Nel 2003, Poljot assunse il nome di Prima Fabbrica Moscovita di Orologi, limitando il marchio Poljot al mercato interno. La produzione del movimento cronografico 3133, una pietra miliare nella storia di Poljot, cessò definitivamente nel 2011, segnando la fine di un’era.

Orologio Vostok Tambov: un omaggio alla Scuola Superiore di Ingegneria Aeronautica Militare

Orologio Vostok Tambov: un omaggio alla Scuola Superiore di Ingegneria Aeronautica Militare
russian watch Vostok Komandirskie Tambov Higher Military Aviation Engineering School

Un pezzo da collezione unico per gli appassionati di orologi e storia militare russa

Questo orologio Vostok Tambov rappresenta un pezzo da collezione davvero speciale, non solo per il suo design accattivante, ma anche per la sua storia significativa. Realizzato come omaggio ai laureati della Scuola Superiore di Ingegneria Aeronautica Militare di Tambov (ТВВАИУ) nel 1994, in occasione del 75° anniversario della sua fondazione, questo orologio racchiude un’eredità di eccellenza e dedizione nel campo dell’aviazione militare russa.

Un’istituzione storica con un passato illustre

La Scuola Superiore di Ingegneria Aeronautica Militare di Tambov, fondata nel 1919 come Scuola Aerea Fotogrammetrica della Flotta Aerea Rossa, ha svolto un ruolo fondamentale nella formazione di personale altamente qualificato per l’Aeronautica Sovietica e poi Russa. Nel corso degli anni, la scuola ha cambiato diverse denominazioni, ma è sempre stata conosciuta come “СВЯЗЬ” (Comunicazione) dai suoi studenti e lavoratori. Riconosciuta come una delle istituzioni educative più prestigiose del paese, la ТВВАИУ ha preparato generazioni di ingegneri aeronautici che hanno contribuito al successo dell’aviazione russa.

Un design unico che celebra l’aviazione russa

L’orologio Vostok Tambov si distingue per il suo design inconfondibile, che rende omaggio all’eredità della ТВВАИУ e all’aviazione russa. Il quadrante rosa scuro fa da sfondo a un’immagine stilizzata di un MiG-29, uno dei caccia più iconici dell’aviazione russa. Le scritte color oro e il reticolo nero completano il design, creando un’estetica elegante e raffinata.

Dettagli unici che raccontano una storia

A dodici l’aquila bicipite, simbolo della Russia, e un nastro con i colori della bandiera russa e la scritta “75°” commemorano l’anniversario della fondazione della ТВВАИУ. Al centro del quadrante, le ali spiegate dorate e l’immagine di un MiG-29 rappresentano la forza e il potere dell’aviazione russa. La scritta in cirillico “Тамбовское ВВАИУ” (Facoltà di Ingegneria Militare) completa il design, sottolineando il legame dell’orologio con la scuola.

Un pezzo da collezione per gli appassionati

L’orologio Vostok Tambov è un pezzo da collezione imperdibile per gli appassionati di orologi e storia militare russa. Il suo design unico, la sua storia significativa e la sua rarità lo rendono un oggetto prezioso per chiunque apprezzi l’aviazione russa e la sua ricca tradizione.

Orologi Russi da Collezione: Volume 2 – Un Viaggio Affascinante tra Storia, Tecnica e Cultura

Orologi Russi da Collezione: Volume 2 – Un Viaggio Affascinante tra Storia, Tecnica e Cultura

Approfondimenti Storici e Tecnici

Il 17 giugno 2024 segna una data importante per tutti gli appassionati di orologi russi da collezione: è stato pubblicato il secondo volume di “Orologi Russi da Collezione”. Questo libro, lungo 192 pagine, è un’opera bilingue in italiano e inglese ed è edito da Reverdito. Le sue dimensioni sono 16.3 x 1.8 x 24 cm, rendendolo un volume sostanzioso ma maneggevole. Gli autori Lorenzo Fe, Andrea Manini, Karl Samsa e Vanni Stefanini ci guidano in un affascinante viaggio attraverso il tempo e la storia dell’orologeria russa.

Orologi russi da collezione Volume 2

Introduzione al Libro

“Orologi Russi da Collezione – Volume 2” è una naturale espansione del primo volume, che ha già catturato l’attenzione degli appassionati di orologeria sovietica e russa. Questo secondo libro approfondisce ulteriormente il vasto e affascinante mondo degli orologi russi, esplorando oltre 150 modelli che coprono un arco temporale di più di 100 anni, dai primi orologi donati dalla famiglia Imperiale dei Romanov fino ai moderni orologi prodotti nelle stesse fabbriche che un tempo furono della Prima Fabbrica di Orologi di Mosca.

Un Viaggio tra Modelli e Storie

Le oltre 300 fotografie in alta qualità presenti nel libro svelano dettagli che raccontano storie epiche e gli eroi di un’epoca. Non solo gli orologi, ma anche personalità politiche e religiose del tempo trovano spazio in queste pagine. La corsa allo spazio, con i suoi trionfi e le sue sfide, è un tema centrale, e le immagini ci trasportano nei momenti cruciali di questa avventura umana. La Perestroika, già accennata nel primo libro, diventa un vero e proprio fenomeno di moda, soprattutto in Italia, con gli “orologi dell’armata rossa” che invadono il mercato.

Dettagli Tecnici e Innovazioni

Gli ingegneri sovietici hanno ottenuto successi straordinari con movimenti ultrasottili, elettromeccanici e al quarzo, rimanendo all’avanguardia per il loro tempo. Questo libro non solo esplora questi dettagli tecnici, ma li contestualizza all’interno delle più ampie innovazioni storiche e culturali.

Dettagli del Libro

Ecco un’anteprima dettagliata dei capitoli principali del libro, che offre una panoramica esaustiva e coinvolgente per gli appassionati di orologi russi da collezione:

Periodo Imperiale

  • Pavel Buhre: Gli orologi del gioielliere ufficiale della famiglia Romanov.
  • 1ГЧЗ: I primi tentativi di orologeria industriale.
  • НЧ-С “Generalskie”: Orologi riservati agli ufficiali dell’Armata Rossa.

Epoca Sovietica e Spaziale

  • LUCH: I modelli che hanno segnato un’epoca.
  • POBEDA: Simboli di vittoria e speranza.
  • Galactika e Austro MIR 91: Orologi che hanno viaggiato nello spazio.
  • POLJOT: L’eccellenza dei cronografi 3017.
  • Sturmanskie: Gli orologi dei piloti e dei cosmonauti.

Dalla Perestroika ai Giorni Nostri

  • Vostok Komandirskie: Orologi simbolo della forza militare.
  • SLAVA: Modelli che rappresentano l’innovazione e il progresso.
  • RAKETA: Dal periodo sovietico alla Russia moderna.
  • Moscow Aerospace ’93: Orologi che celebrano le missioni spaziali.

Contenuti Speciali

Uno degli aspetti più affascinanti del libro è l’attenzione ai dettagli tecnici. Gli ingegneri sovietici hanno ottenuto successi straordinari con movimenti ultrasottili, elettromeccanici e al quarzo, rimanendo all’avanguardia per il loro tempo. Il libro non solo esplora questi dettagli tecnici, ma li contestualizza all’interno delle più ampie innovazioni storiche e culturali.

Inoltre, il volume affronta anche tematiche più leggere come le produzioni commerciali che strizzano l’occhio a quelle militari, o gli orologi da intendere come veri e propri gadget pubblicitari o mezzi di propaganda politica. Un esempio curioso è il Vostok con cassa in plastica, un orologio tanto innovativo quanto insolito per l’epoca.

Presentazione in Quarta di Copertina

La quarta di copertina del libro offre una sintesi perfetta di ciò che il lettore può aspettarsi: un’immersione totale in un argomento vasto e affascinante come l’orologeria sovietica e russa. Attraverso le oltre 300 fotografie ad alta qualità, il lettore può esplorare dettagli che raccontano storie epiche e degli eroi di un’epoca, immergendosi in un arco temporale di oltre 100 anni.

Conclusioni

“Orologi Russi da Collezione – Volume 2” è un libro per appassionati, fatto da appassionati. Non rappresenta alcuna inclinazione politica o ideologica, ma è un’opera che esplora il mondo dell’orologeria russa e sovietica come pretesto per studiare, fotografare e conoscere la società mondiale, interconnessa con quella russa sotto molti aspetti. Con la pubblicazione di questo volume, si aggiunge un altro importante tassello alla conoscenza di un settore tanto affascinante quanto poco conosciuto, continuando un viaggio iniziato con il primo libro e destinato a proseguire ancora a lungo.

Per chi desidera approfondire, è possibile contattare gli autori all’email russiancollectiblewatches@gmail.com. Buona lettura e buon viaggio nel tempo!

Esplorando l’universo degli orologi russi con Vittorio: un viaggio nel tempo e nella tecnologia

Esplorando l’universo degli orologi russi con Vittorio: un viaggio nel tempo e nella tecnologia

Benvenuti nel mondo affascinante degli orologi russi! In un’intervista esclusiva condotta da Andrea, conosciuto come Sovietaly, ci addentriamo nella collezione di Vittorio, un appassionato di orologi russi con una storia coinvolgente da condividere.

Se siete curiosi di esplorare il mondo degli orologi dal tocco russo, preparatevi a un viaggio avvincente che ci porterà attraverso la storia, la tecnologia e l’unicità di questi pezzi.

Il video di questa intervista offre uno sguardo privilegiato sulla passione di Vittorio per gli orologi russi e sulle storie affascinanti dietro a ogni singolo pezzo della sua collezione.


Introduzione:

Benvenuti! Se siete appassionati di orologi o semplicemente curiosi di esplorare un mondo unico, siete nel posto giusto. Questo video di Andrea, conosciuto come Sovietaly nel mondo degli orologi, ci porta in un viaggio coinvolgente attraverso la collezione di Vittorio, un amante degli orologi russi con una passione travolgente per la storia e la tecnologia dietro questi incredibili pezzi.



Sommario:

L’intervista di Andrea a Vittorio ci offre uno sguardo ravvicinato sulla passione di Vittorio per gli orologi russi. Dai primi incontri con la lingua russa fino alle sue esperienze in Polonia e in Russia, Vittorio condivide la sua storia personale che si intreccia con la scoperta e la collezione di questi orologi unici.


Conclusioni:

L’intervista di Andrea a Vittorio è stata un’esperienza avvincente che ci ha portato nel mondo degli orologi russi attraverso gli occhi di un appassionato. Con storie affascinanti, curiosità tecniche e una passione palpabile, Vittorio ci ha introdotti in un universo in cui storia e tecnologia si fondono in modo unico.

Vostok Aurora: recensione dell’orologio commemorativo dei 70 anni della rivoluzione russa d’ottobre

Vostok Aurora: recensione dell’orologio commemorativo dei 70 anni della rivoluzione russa d’ottobre

La rivoluzione d’ottobre del 1917 è stata un evento storico di grande importanza, che ha portato alla nascita dell’Unione Sovietica. Per celebrare il 70° anniversario di questa rivoluzione, la fabbrica di orologi Vostok ha prodotto un modello speciale dell’orologio Komandirskie, chiamato “Aurora”.

L’orologio ha un quadrante unico, con un sfondo bronzo/marrone su cui spicca l’immagine della motonave Aurora, la nave da guerra che sparò il colpo di cannone che diede inizio alla rivoluzione. Sullo sfondo, che occupa praticamente tutto il quadrante, un cielo pieno di piccole esplosioni, a metà tra colpi di cannone e fuochi d’artificio.

russian watch Vostok Komandirskie Aurora
Vostok Komandirskie Aurora

Questa combinazione di elementi è simbolica: da un lato, rappresenta il primo colpo di cannone sparato dall’Aurora, che ha dato inizio alla rivoluzione; dall’altro, rappresenta la festa e la gioia che hanno accompagnato l’evento.

L’orologio è realizzato con cassa cromata e ghiera bidirezionale anch’essa cromata. Il movimento è meccanico manuale, con calibro Vostok 2414, che ha 17 rubini e 19800 alternanze all’ora. La riserva di carica è di 45 ore.

L’orologio è un pezzo da collezione, che combina un design unico con un significato storico importante. È perfetto per gli appassionati di orologi sovietici o di storia della rivoluzione d’ottobre.

Informazioni sulla rivoluzione d’ottobre:

La rivoluzione d’ottobre fu un evento storico che ebbe luogo in Russia nel 1917. La rivoluzione portò alla caduta dell’Impero russo e alla nascita dell’Unione Sovietica.

La rivoluzione fu guidata dai bolscevichi, un gruppo politico guidato da Vladimir Lenin. I bolscevichi erano convinti che la Russia potesse essere trasformata in una società socialista solo attraverso una rivoluzione.

La rivoluzione iniziò il 7 novembre 1917, quando i bolscevichi presero il controllo della città di Pietrogrado, l’attuale San Pietroburgo. I bolscevichi marciarono verso il Palazzo d’Inverno, la sede del governo imperiale, e lo catturarono.

La rivoluzione d’ottobre ebbe un impatto significativo sulla storia mondiale. Ha portato alla nascita del primo stato socialista e ha contribuito a diffondere le idee socialiste in tutto il mondo.

Informazioni sulla motonave Aurora:

La motonave Aurora era una nave da guerra russa che fu costruita nel 1903. La nave fu utilizzata durante la prima guerra mondiale e la guerra civile russa.

La motonave Aurora è famosa per aver sparato il colpo di cannone che diede inizio alla rivoluzione d’ottobre. Il colpo di cannone fu sparato il 7 novembre 1917, da una distanza di circa 2 chilometri dal Palazzo d’Inverno.

La motonave Aurora è ora un museo, che si trova a San Pietroburgo.


@sovietalycollection a boxing di un pacchetto che mi è arrivato oggi dall'ucraina al suo interno c'è un orologio molto famoso che è stato trattato anche all'interno del libro orologi russi da collezione si tratta del vostok Aurora che festeggia i 70 anni della rivoluzione d'ottobre quindi 1917-1987 si tratta di un orologio sovietico ha un quadrante molto particolare e a mio giudizio molto interessante con ritratta la motonave Aurora la barca da cui partì il primo colpo di cannone che diede inizio alla rivoluzione di ottobre e un cielo al limite tra lo stellato i colpi di cannone e i fuochi d'artificio da sistemare un po' esteticamente ma l'orologio funzionante e a mio giudizio è anche molto bello #aurora #rivoluzione #cccp #orologio #orologi #orologirussi #vostok #komandirskie ♬ RelaxingMusic – MeteoMusic
0 Item | 0,00 
View Cart
Verified by MonsterInsights