Storia della Slava: La Seconda Fabbrica di Orologi di Mosca

Storia della Slava: La Seconda Fabbrica di Orologi di Mosca

La storia della Slava, uno dei marchi più iconici dell’orologeria russa, inizia con la fondazione della Seconda Fabbrica di Orologi di Mosca. Questo articolo esplora la nascita, lo sviluppo, le sfide e le evoluzioni di questa storica fabbrica, fino alla sua situazione attuale.

Le Origini della Seconda Fabbrica di Orologi di Mosca

Fondata nel 1924, la Seconda Fabbrica di Orologi di Mosca è stata una delle prime fabbriche di orologi non militari dell’Unione Sovietica. Nel 1929, l’Unione Sovietica acquistò due fabbriche di orologi statunitensi, la Dueber-Hampden Watch Company e la Ansonia Clock Company, per avviare la propria industria orologiera​ (Wixsite)​​ (Wixsite)​. La produzione di orologi iniziò ufficialmente nel 1931, utilizzando le attrezzature acquistate dalla Ansonia Clock Company.

Durante la Seconda Guerra Mondiale, la fabbrica fu evacuata a Chistopol e si concentrò sulla produzione di apparecchiature militari. Dopo la guerra, la fabbrica tornò a Mosca e riprese la produzione di orologi civili​ (Two Broke Watch Snobs)​​ (Wikipedia)​.

La Nascita del Marchio Slava

Negli anni ’50, la fabbrica iniziò a produrre orologi con il marchio “Slava”, che significa “gloria” in russo. Questo marchio si distinse per la produzione di orologi destinati esclusivamente al consumo civile, senza pretese militari o aerospaziali​ (Wixsite)​​ (Wikipedia)​.

Innovazioni e Premi

La fabbrica Slava è stata innovativa fin dai suoi primi anni. Negli anni ’60, ha introdotto il “Slava Transistor”, un orologio con movimento elettronico premiato con una medaglia d’oro alla Fiera di Lipsia nel 1964​ (DuMarko)​​ (Слава – Русские часы)​. Altri premi significativi includono la medaglia d’oro alla fiera internazionale di Brno nel 1974 e un’altra medaglia d’oro alla Fiera di Lipsia nel 1975 per i modelli con calibro 24mm​ (Слава – Русские часы)​.

Espansione e Collaborazioni

Dal 1955 al 1979, Slava ha esportato fino al 50% della sua produzione in oltre 72 paesi. Ha collaborato con altri produttori sovietici come Raketa e Vostok per sviluppare movimenti avanzati​ (DuMarko)​​ (Слава – Русские часы)​.

Le Sfide della Privatizzazione

Dopo il crollo dell’URSS, la fabbrica Slava ha affrontato numerose difficoltà. Durante la privatizzazione negli anni ’90, molti movimenti furono esportati in Cina e Hong Kong per la produzione di falsi economici, danneggiando la reputazione del marchio​ (Wikipedia)​​ (Слава – Русские часы)​.

Rinascita e Situazione Attuale

Nel 2005, la fabbrica e il marchio Slava furono acquistati dalla banca Globex e successivamente ceduti alla città di Mosca. Gli impianti di produzione vicino alla stazione della metropolitana Belorusskaya furono demoliti nel 2008 per fare spazio a un centro commerciale, mentre la produzione di orologi da polso è stata mantenuta e integrata nel Tecnoparco “Slava”​ (Wikipedia)​​ (Слава – Русские часы)​.

Dal 2016, Slava ha iniziato a utilizzare movimenti prodotti dalla Fabbrica di Orologi di Chistopol “Vostok” per i suoi nuovi modelli​ (Слава – Русские часы)​. Oggi, la produzione continua con nuovi modelli ispirati ai design storici, come “Slava Televisor”, “Era”, “Mir”, “Sadko”, “Ais” e “Doctor”, utilizzando i movimenti originali Slava 2427​ (Слава – Русские часы)​.

Aneddoti e Curiosità

Un fatto interessante riguarda il modello “Slava Transistor”, che vinse una medaglia d’oro alla Fiera di Lipsia nel 1964. Questo orologio utilizzava un movimento elettronico innovativo per l’epoca, dimostrando l’avanguardia tecnologica della fabbrica​ (DuMarko)​.

Un altro aneddoto riguarda la partecipazione di Slava al film bulgaro del 2016 “Glory” (titolo originale “Slava”), dove l’orologio Slava del protagonista gioca un ruolo chiave nella trama​ (Wikipedia)​.

Conclusione

La storia della Slava è un viaggio attraverso l’evoluzione dell’industria orologiera russa, dalle sue radici nella Seconda Fabbrica di Orologi di Mosca alla sua attuale produzione di modelli innovativi. Nonostante le sfide della privatizzazione e della contraffazione, Slava continua a rappresentare un simbolo di eccellenza nell’orologeria.

Per ulteriori informazioni e aggiornamenti sui nuovi modelli Slava, visita il sito ufficiale Slava.


Fonti:

  1. Second Watch Factory
  2. Slava Watches
  3. DuMarko
  4. Russian Watches Info
  5. Wikipedia

L’URSS conquista il secondo posto nell’export di orologi: la Svizzera trema

Articolo di giornale del 29 luglio 1966 sull'URSS che raggiunge il secondo posto mondiale nell'esportazione di orologi.

La concorrenza sovietica, con i suoi prezzi bassi, fa tremare l’industria elvetica.

1967: il mercato globale degli orologi vive un momento di grande fermento. La Svizzera, da sempre leader indiscussa nel settore, si trova ad affrontare una nuova e agguerrita concorrente: l’Unione Sovietica.

Articolo di giornale del 29 luglio 1966 sull'URSS che raggiunge il secondo posto mondiale nell'esportazione di orologi.

Un’ascesa fulminea

Mentre la Svizzera nel 1966 esportava 62,5 milioni di orologi, l’Unione Sovietica ne totalizzava già 16,5 milioni, piazzandosi al secondo posto dietro i maestri elvetici e davanti a Giappone e Stati Uniti.

Il segreto del successo sovietico? I prezzi imbattibili.

Grazie a generosi sussidi statali, gli orologi sovietici, pur vantando una buona qualità, venivano offerti a prezzi decisamente inferiori rispetto a quelli svizzeri. Una strategia che ha permesso all’industria orologiera sovietica di conquistare quote di mercato sempre più ampie, soprattutto nei paesi in via di sviluppo.

La Svizzera reagisce

Preoccupata per questa crescente minaccia, l’industria orologiaria svizzera ha avviato un programma di riorganizzazione interna. L’obiettivo? Migliorare l’efficienza e la produttività per ridurre i costi e contrastare l’offensiva sovietica.

Sfide e opportunità nel mercato globale

L’articolo, tratto da La Stampa del 30 luglio 1967, offre una fotografia interessante di un mercato globale in rapida evoluzione. La concorrenza tra Svizzera e Unione Sovietica rappresenta un esempio emblematico delle sfide e delle opportunità che le aziende devono affrontare per rimanere competitive in un mondo sempre più interconnesso.

Verified by MonsterInsights