Orologio Zaria Sovietico: Un Simbolo dei Goodwill Games del 1990

Orologio Zaria dei Goodwill Games del 1990 con logo di cooperazione USA-URSS

Introduzione

Nel panorama dell’orologeria sovietica, l’orologio Zaria dei Goodwill Games del 1990 rappresenta un interessante esempio di memorabilia storica. Prodotto dalla marca Zaria, questo orologio è dotato di un calibro 2009b a 21 rubini con meccanismo manuale. Sebbene sia un modello economico, il suo design e il contesto storico in cui è stato realizzato lo rendono un pezzo degno di nota per gli appassionati di orologeria sovietica.

russian watch Zaria Goodwill Games Seattle '90
Zaria Goodwill Games Seattle ’90

Caratteristiche Tecniche dell’Orologio

L’orologio Zaria Goodwill Games del 1990 utilizza un movimento meccanico a carica manuale, identificato come calibro 2009b, con 21 rubini. Questo tipo di movimento è comune negli orologi di quel periodo. La cassa dell’orologio è in ottone rivestito, un materiale spesso utilizzato per orologi economici, che offre una protezione di base per il movimento interno. Le specifiche tecniche del calibro 2009 includono una frequenza di oscillazione di 21.600 alternanze per ora (A/h) e una riserva di carica di circa 42 ore. Questo movimento è semplice e funzionale, ma non particolarmente noto per l’affidabilità a lungo termine.

Analisi del Quadrante

Il quadrante dell’orologio è ricco di simbolismo. Al centro, è presente un logo che raffigura due mani che si stringono, una con i colori della bandiera degli Stati Uniti e l’altra con quelli dell’Unione Sovietica. Questo simbolo di cooperazione internazionale è circondato dalla scritta “Seattle ’90” e “Goodwill Games”, indicando chiaramente l’evento e l’anno.

Significato dei Goodwill Games

I Goodwill Games furono ideati dal magnate dei media Ted Turner come risposta ai boicottaggi delle Olimpiadi durante la Guerra Fredda. La prima edizione si tenne nel 1986 a Mosca, e l’evento del 1990 a Seattle rappresentò un momento di distensione tra gli Stati Uniti e l’Unione Sovietica. Questo evento sportivo voleva promuovere la pace e la cooperazione tra le due superpotenze.

Dettagli del Quadrante

Oltre al logo centrale, il quadrante presenta due stelle rosse e la scritta “Zaria USSR”, confermando l’origine sovietica dell’orologio. Le lancette dorate si distinguono chiaramente sullo sfondo bianco del quadrante, offrendo una buona leggibilità.

Conclusione

L’orologio Zaria dei Goodwill Games del 1990 è un esempio interessante di orologeria sovietica, con un design che riflette un momento specifico della storia mondiale. Pur essendo un modello economico con caratteristiche tecniche modeste, il suo valore risiede principalmente nel contesto storico e simbolico rappresentato dal quadrante. Per gli appassionati di orologeria russa e sovietica, questo orologio rappresenta un pezzo interessante da aggiungere alla propria collezione, contribuendo a preservare la memoria di un periodo di collaborazione internazionale.

La Filiale Francese di SLAVA a Besançon: Un Capitolo Affascinante nell’Orologeria Sovietica

Orologio Slava Besançon automatico con quadrante nero e indicatori gialli

Introduzione

La storia dell’orologeria sovietica è arricchita da episodi affascinanti di cooperazione internazionale. Un esempio significativo è la filiale francese di SLAVA, situata a Besançon. Questa sede, aperta per facilitare le attività industriali sovietiche in Occidente, ha svolto un ruolo cruciale nella produzione di orologi di alta qualità.

Origini e Contesto Storico

Besançon, conosciuta per la sua lunga tradizione orologiera, ospitava la sede di SLAVA al numero 7 di rue Auguste Jouchoux, proprio vicino alla famosa azienda Lip. La scelta di questa località non fu casuale: la città non solo aveva una forte tradizione nel settore, ma anche legami storici con l’URSS. Infatti, le collaborazioni tra Lip e i sovietici negli anni ’30 avevano gettato le basi per la rinascita dell’orologeria sovietica nel dopoguerra.

Produzione e Innovazione

La filiale francese di SLAVA iniziò la produzione di casse placcate in oro già alla fine degli anni ’60. Questa strategia permetteva ai sovietici di sfruttare le competenze locali per creare prodotti di alta qualità destinati al mercato europeo. La fabbrica produceva e commercializzava anche diversi modelli del marchio Raketa. Il quadrante di questi orologi sovietico-bizontini riportava la dicitura « механизм cccp » (« meccanismo URSS »), distinguendosi così da quelli prodotti in URSS.

Il catalogo forniture SLAVA Besançon, probabilmente datato fine anni ’60, elenca ricambi per movimenti Chaika, Zaria, Slava, Molnia e Poljot. Questo documento è una testimonianza preziosa della diversificazione e della qualità della produzione SLAVA in Francia.

Espansione e Sviluppo

Slava Besançon aveva anche depositato i marchi Diamant, Diamant de Luxe, e Saintis, sotto i quali commercializzava orologi interamente fabbricati in URSS. Inizialmente, Slava si stabilì in place Saint-Pierre, sede della S.I.C.E.H., poi in place du Jura. La prima fabbrica fu installata in rue Henri Baigue, ma nel 1975 Slava si fece costruire una nuova fabbrica in rue Auguste Jouchoux. Il parco industriale porta ancora oggi il nome di Slava.

All’inizio degli anni ’80, la fabbrica impiegava 70 persone per l’assemblaggio, il controllo e il servizio post-vendita. I movimenti meccanici sovietici furono progressivamente sostituiti da movimenti al quarzo, tutti provenienti dalla società France-Ébauches. La società avrebbe anche commercializzato, negli ultimi anni dell’URSS, i modelli Big Zero e Rising Sun, classici marchiati “Made in USSR”. Non è chiaro se questi orologi fossero importati, assemblati a partire da pezzi sovietici o assemblati con un meccanismo sovietico e una cassa bizontina.

Cambiamenti e Declino

Nel 1983, il consiglio di amministrazione sovietico (i rappresentanti del Mashpriborintorg) di Slava si separò prima dal suo direttore bizontino, Bernard Le Varlet, poi da Maurice Carruzzo qualche mese più tardi. Licenziato per “ragioni tecniche”, Maurice Carruzzo distribuì volantini tramite sua moglie all’apertura delle porte dell’azienda, il 16 agosto.

Una possibile spiegazione è che avesse avvicinato Slava a Lip e a France-Ebauches, approvvigionandosi lì di meccanismi al quarzo e creando così orologi 100% francesi, il che probabilmente non era nell’interesse dei sovietici.

Slava Precision: Nuove Direzioni

Il 15 gennaio 1990, fu fondata la società anonima Slava-Précision che riprese gli attivi di Slava. Era diretta da M. Aubach, già attivo nell’industria para-orologiera (società Interstrap e Watch Design), con il presidente del Consiglio di sorveglianza russo, M. Korolev. La società continuò le sue attività orologiere nello stesso edificio di rue Jouchoux, importando dalla Russia e da Hong Kong, ed esportando verso Canada, Svizzera e Italia, trasferendo però le sue attività ottiche nella regione parigina.

Slava Précision impiegava ancora 24 persone nel 2004, ma fu messa in liquidazione giudiziaria il 12 giugno 2006 (procedura chiusa nel 2009).

Unione di Competenza e Tradizione

Gli orologi assemblati a Besançon utilizzavano movimenti prodotti in URSS, ad esempio il movimento 2602 della 2MChZ o il Raketa 2409. Questi orologi portavano la dicitura “RUSSIAN MOVEMENT” sui quadranti, testimoniando l’origine sovietica dei loro componenti. Questa produzione permetteva di evitare i vincoli commerciali che avrebbero reso problematico l’uso del marchio “Made in USSR” in Europa.

Conclusione

La filiale SLAVA di Besançon rappresenta un esempio affascinante di cooperazione industriale tra l’URSS e l’Europa occidentale. Questa storia non solo arricchisce la narrazione dell’orologeria sovietica, ma dimostra anche come l’unione di competenze diverse possa portare alla creazione di prodotti eccezionali.

La nascita dell’orologeria sovietica: Da Dueber-Hampden all’orologeria russa

The Birth of Soviet Watchmaking: Continuing the Hampden Story - Updated Edition by Alan F. Garratt

A questo indirizzo web, puoi scaricare il PDF in inglese: https://www.hampdenwatches.com/it/extra

Prefazione dell’edizione aggiornata (Pagina 1)

La necessità di un’edizione aggiornata evidenzia le lacune in questa affascinante storia. Sono emerse nuove informazioni, fornite da lettori, discendenti e appassionati. Sebbene non colmino tutti i dettagli, questa seconda edizione porta la storia un passo avanti, offrendo ulteriori approfondimenti su molti personaggi.

La prefazione mira a introdurre l’ambiente sociale e politico durante la corsa all’industrializzazione, che inevitabilmente ha influenzato le fabbriche di orologi. Il potere dei lavoratori ha influenzato la produzione e la qualità, come evidenziato dagli articoli di Gershenzon e dai vari movimenti “Udarnik”. In questo paradiso dei lavoratori, nuove pratiche hanno rivelato carenze organizzative e scuse manageriali. Anche errori inevitabili potevano avere conseguenze tragiche.

Non tutti gli americani furono autorizzati a tornare dopo la scadenza dei loro contratti, nonostante i rapporti da Canton suggerissero il contrario. Il racconto dettagliato del coinvolgimento di Herman London, facilitato grandemente dalla sua famiglia, apre nuovi aspetti di questa storia.

Introduzione (Pagine 5-6)

Potresti leggere questo per vari motivi: forse dalla mia storia sulla Hampden Watch Company prima del 1930 o per un interesse nei vecchi orologi russi. Indipendentemente dal motivo, benvenuto, e spero che trovi la storia intrigante.

Il genere dell’orologeria sovietica è enorme e le sue origini sono cruciali. La mia storia si concentra su queste origini e sul contributo del personale, degli strumenti e dei design della Dueber-Hampden Watch Works all’URSS, perpetuando l’eredità di Hampden.

Nel 2006 ho iniziato a indagare sul destino della fabbrica di Canton e ho trovato informazioni limitate, spesso errate e fuorvianti. L’argomento dell’URSS evoca ancora visioni stereotipate in Occidente e difese nei paesi ex sovietici. Nessuna delle due prospettive è utile nell’esaminare gli eventi passati.

Questa storia è iniziata come un blog nel 2008 e si è ampliata con l’emergere di nuove informazioni. Molti contenuti sono inediti, ma attingo anche da fonti familiari. Fino a quando non emergeranno documenti definitivi dalle fonti russe, la produzione di orologi sovietici rimane speculativa.

La storia copre eventi mondiali significativi, dalla Grande Depressione, alle purghe di Stalin, alla Seconda Guerra Mondiale e alla Guerra Fredda. Questo contenuto non mira a condonare o condannare, ma semplicemente a raccontare una storia su orologi e persone.

Prefazione (Pagine 7-12)

Nel 1886, John C. Dueber, un industriale americano naturalizzato, nato in Germania, affrontava problemi di acquisizione di terreni a Newport, Kentucky. Aveva bisogno di spazio per la sua fiorente attività di casse per orologi e per la compagnia Hampden recentemente acquisita, situata a Springfield, Massachusetts. Dueber annunciò che se una città o un paese avesse raccolto $100.000 in “denaro regalo”, avrebbe trasferito le sue aziende, portando 1.500 a 2.000 dipendenti, aumentando significativamente la popolazione locale.

Canton, Ohio, colse l’opportunità. Canton, fondata nel 1805 e centro amministrativo della contea di Stark nel nord-est dell’Ohio, era in difficoltà economiche. Negli anni 1880, il suo maggior datore di lavoro, C. Aultman & Co., affrontava un futuro incerto e aveva ridotto i salari dei lavoratori del 10%, causando gravi difficoltà. La proposta di Dueber era provvidenziale, offrendo nuove opportunità di lavoro.

La prefazione descrive brevemente il periodo prima e dopo la chiusura delle opere Dueber-Hampden a Canton, appena prima della Grande Depressione, e il suo impatto sull’occupazione. Descrive anche l’ambiente di Mosca dove le attrezzature di Canton furono trasferite, con approfondimenti di esperti storici e sociologici.

1917 – 1930 (Pagine 13-19)

Il capitolo descrive il periodo dalla Rivoluzione Russa del 1917 al 1930, coprendo eventi significativi come l’istituzione dell’Unione Sovietica e i primi sforzi di industrializzazione. Sottolinea le sfide e i successi nell’istituire le prime fabbriche di orologi sovietiche, dettagliando l’acquisto e il trasferimento delle attrezzature Dueber-Hampden a Mosca.

La commissione sovietica, inclusi Bodrov e altri, esplorò l’acquisto di attrezzature dall’Europa e dall’America. Affrontarono resistenze in Europa ma ebbero successo in America, portando all’acquisizione delle attrezzature Hampden. I sovietici miravano a creare un’industria degli orologi autosufficiente, in linea con i loro obiettivi ideologici.

Le persone (Pagine 20-26)

Il capitolo introduce le figure chiave nella storia dell’orologeria sovietica, tra cui Andrey Mikhailovich Bodrov, Heinrich Kann e Vladimir Osipovich “Wolf” Pruss. Ogni individuo ha svolto un ruolo cruciale nell’istituzione e nello sviluppo dell’industria orologiera sovietica.

Andrey Mikhailovich Bodrov fu determinante negli sforzi di industrializzazione e nell’istituzione della Prima Fabbrica Statale di Orologi.

Heinrich Kann, un importante orologiaio pre-rivoluzionario, contribuì significativamente all’orologeria e all’educazione sovietica.

Vladimir Osipovich “Wolf” Pruss, un orologiaio esperto con un background nei movimenti socialisti, aiutò a formare nuovi orologiai nell’URSS.

L’acquisto di Dueber-Hampden (Pagine 27-35)

Durante la visita della commissione in America, prevalse il pragmatismo, portando all’acquisto delle piante bancarottiere Dueber-Hampden e Ansonia Clock Co. I sovietici, tramite Amtorg, acquistarono modelli, macchinari, strumenti e scorte, fondamentali per l’istituzione dell’industria degli orologi sovietica.

Il capitolo dettaglia il viaggio di 23 ex orologiai Dueber-Hampden a Mosca per formare i lavoratori sovietici. Questi specialisti americani aiutarono a istituire la nuova fabbrica, formare i lavoratori e avviare la produzione. Nonostante le sfide iniziali, i loro contributi furono significativi per la creazione delle basi dell’orologeria sovietica.

La Prima Fabbrica Statale di Orologi (Pagine 36-52)

Il capitolo descrive l’istituzione della Prima Fabbrica Statale di Orologi, situata sul sito di una ex fabbrica di tabacco a Mosca. La costruzione della fabbrica iniziò nel febbraio 1930 e fu completata entro giugno 1930, con le principali attrezzature installate entro settembre 1930.

Entro il 7 novembre 1930, la fabbrica produsse i suoi primi 50 orologi da tasca, presentati in una cerimonia. Gli orologi erano basati sul movimento Hampden Size 16 e divennero la base della produzione di orologi sovietici. Il successo della fabbrica segnò una pietra miliare significativa nell’industrializzazione sovietica.

Altre fabbriche di Tipo-1 (Pagine 53-58)

Il capitolo esplora altre fabbriche che producevano orologi di Tipo-1, simili a quelli realizzati nella Prima Fabbrica Statale di Orologi. Queste fabbriche facevano parte dello sforzo più ampio di stabilire un’industria orologiera sovietica autosufficiente. Il capitolo evidenzia le sfide e i successi di queste fabbriche, i loro metodi di produzione e i loro contributi all’orologeria sovietica.

Artels (Pagine 59-63)

Gli artels erano laboratori cooperativi che giocavano un ruolo cruciale nella produzione di orologi sovietici. Il capitolo dettaglia come operavano questi laboratori, la loro organizzazione e i loro contributi all’industria. Gli artels erano essenziali per soddisfare la crescente domanda di orologi nell’URSS.

Varie tipologie di orologi di Tipo-1 (Pagine 64-66)

Il capitolo mostra vari orologi di Tipo-1 prodotti dalle fabbriche sovietiche. Questi orologi, basati sui design Hampden, erano noti per la loro robustezza, precisione e affidabilità. Il capitolo fornisce una panoramica dei diversi modelli e delle loro caratteristiche, evidenziando la loro importanza nell’orologeria sovietica.

Lip e il periodo postbellico (Pagine 67-71)

Il capitolo discute la collaborazione tra l’Unione Sovietica e la compagnia di orologi francese Lip durante il periodo postbellico. Nel 1936, Lip affrontò difficoltà finanziarie e firmò un accordo con l’URSS per esportare tecnologia e parti. Questa collaborazione aiutò a modernizzare la produzione di orologi sovietica, introducendo nuovi design e tecniche.

Falsi e orologi modificati (Pagine 72-73)

Il capitolo affronta il problema degli orologi contraffatti e modificati, noti come “falsi” e “frankens”, nel mercato degli orologi sovietici. Discute come questi orologi venivano creati, il loro impatto sul mercato e come identificare autentici orologi sovietici.

Amtorg (Pagine 74-75)

Amtorg era l’organizzazione commerciale sovietica responsabile dell’acquisto di attrezzature e tecnologia dall’Occidente. Il capitolo dettaglia il ruolo di Amtorg nell’acquisizione delle attrezzature Dueber-Hampden e di altri macchinari essenziali per la produzione di orologi sovietici. Gli sforzi di Amtorg furono cruciali per l’istituzione di un’industria orologiera moderna nell’URSS.

Un lavoratore americano in una fabbrica di Mosca (Pagine 76-78)

Il capitolo narra le esperienze dei lavoratori americani nelle fabbriche sovietiche. Evidenzia le sfide che hanno affrontato, i loro contributi all’industria degli orologi sovietica e lo scambio culturale tra lavoratori americani e sovietici. Il capitolo fornisce aneddoti personali e approfondimenti sulla loro vita quotidiana a Mosca.

Un orologiaio americano intrappolato nell’URSS dal 1934 (Pagine 79-80)

Questo capitolo racconta la storia di un orologiaio americano che rimase intrappolato nell’URSS dopo il 1934. Esplora le circostanze che portarono alla sua situazione, le sue esperienze e le implicazioni più ampie di tali casi durante l’era sovietica.

Russia: un gigante orologiero in risveglio (Pagine 81-83)

Il capitolo finale riflette sull’emergere della Russia come attore significativo nell’industria orologiera globale. Evidenzia i successi dell’industria orologiera sovietica, il suo impatto sul mercato globale e la sua eredità. Il capitolo conclude con una discussione sul futuro dell’orologeria russa e il suo potenziale di crescita.

Il tempo nello spazio di Anna Pegna

Copertina del libro 'Il tempo nello spazio: Orologi e imprese astronautiche nella Russia del Novecento' di Anna Pegna, con immagine di un orologio sovietico

“Il tempo nello spazio” di Anna Pegna è un libro che ha catturato l’interesse di molti collezionisti e appassionati di orologeria russa e sovietica. Pubblicato da Effequ nel 2010, questo testo offre una dettagliata esplorazione degli orologi e delle imprese astronautiche nella Russia del Novecento, rendendolo un’opera imprescindibile per chi desidera comprendere meglio l’interconnessione tra tecnologia, storia e avventure spaziali sovietiche.

Un Capolavoro Ricercato dai Collezionisti

“Il tempo nello spazio” è un libro fuori catalogo, che si può trovare solo usato. Anche l’autrice, Anna Pegna, non possiede più i file originali del libro, rendendo impossibile una ristampa. Questo fattore ha aumentato il valore del libro tra i collezionisti, rendendolo un pezzo molto ambito.

Un’Analisi Dettagliata e Avvincente

Capitolo 1: Gli Inizi

Il primo capitolo, intitolato “Gli inizi”, traccia la storia dell’orologeria russa dall’epoca zarista fino alla Rivoluzione d’Ottobre. La Russia del XIX secolo è descritta come un paese prevalentemente agricolo, con poche industrie e una scarsa tradizione orologiera. La narrazione si sofferma sulle prime esperienze di costruzione di orologi, come quella di Pavel Bure, che fondò una fabbrica nel 1815 utilizzando movimenti svizzeri. Viene raccontato anche il contributo di pionieri come Piotr Vasil’evich Khautskij e Konstantin Tsiolkovskij, che posero le basi per la futura meccanica di precisione e la cosmonautica russa.

Capitolo 2: Le Prime Fabbriche del Nuovo Regime

Il secondo capitolo esamina le trasformazioni avvenute dopo la Rivoluzione d’Ottobre, quando il governo sovietico riconobbe l’importanza della produzione di precisione. Viene descritta l’acquisizione della fabbrica americana Dueber-Hampden e il suo trasferimento in Russia. La fondazione della Prima Fabbrica di Orologi di Stato a Mosca segna l’inizio della produzione di orologi sovietici, con i primi modelli come il Tipo-1. Questo capitolo illustra anche le difficoltà iniziali e la necessità di sviluppare una produzione autonoma e indipendente dalla tecnologia straniera.

Capitolo 3: Le Fabbriche di Orologi di Guerra

Il terzo capitolo, “Le fabbriche di orologi di guerra”, descrive il ruolo cruciale dell’orologeria durante la Seconda Guerra Mondiale. Le fabbriche sovietiche furono trasferite verso est per proteggerle dagli attacchi tedeschi, e la produzione si concentrò su orologi militari e strumenti di precisione per l’aviazione e la marina. Viene raccontata la storia della fabbrica di Zlatoust, che continuò a produrre munizioni e parti per razzi Katiusha, e della Seconda Fabbrica di Mosca, trasferita a Chistopol. Il capitolo evidenzia l’importanza strategica degli orologi di precisione nelle operazioni belliche.

Capitolo 4: Le Fabbriche di Orologi nel Sistema Sovietico

Il quarto capitolo si concentra sull’organizzazione e gestione delle fabbriche di orologi nel sistema sovietico. Le fabbriche non erano entità autonome, ma parte di un unico sistema statale. Ogni fabbrica aveva i propri marchi distintivi, ma spesso condividevano tecnologie e movimenti. Questo capitolo esplora come le fabbriche collaboravano tra loro e come erano integrate nel più ampio contesto dell’economia pianificata sovietica.

Capitolo 5: Il Dopoguerra

Il quinto capitolo, “Il dopoguerra”, descrive la ripresa della produzione di orologi dopo la guerra. Viene descritto come le fabbriche, una volta tornate alla normalità, ripresero la produzione di massa e introdussero nuovi modelli come il Pobeda. Questo capitolo esamina anche l’influenza della tecnologia tedesca sui cronografi sovietici e il ruolo delle riparazioni di guerra nella ricostruzione dell’industria orologiera. Si approfondisce la storia dei movimenti su licenza LIP e l’evoluzione delle fabbriche principali, come la Kirova e la Raketa.

Capitolo 6: Uomini (e Donne) Nello Spazio

Questo capitolo offre una panoramica sulle imprese spaziali sovietiche e il ruolo cruciale degli orologi in queste missioni. Viene narrata la storia di Yuri Gagarin, il primo uomo nello spazio, e dell’orologio Shturmanskie che indossava. Altri personaggi chiave come Valentina Tereskova, la prima donna nello spazio, e Alexey Leonov, il primo uomo a effettuare una passeggiata spaziale, vengono descritti insieme agli orologi che li accompagnarono.

Capitolo 7: Oltre la Cortina di Ferro

Il settimo capitolo esplora la diffusione e l’influenza degli orologi sovietici oltre i confini dell’URSS. Viene descritto come questi orologi divennero popolari nei paesi del blocco orientale e come furono percepiti in Occidente. Il capitolo evidenzia le strategie di esportazione e la reputazione internazionale degli orologi sovietici.

Capitolo 8: Altre Fabbriche Sovietiche

Questo capitolo si concentra su altre fabbriche di orologi sovietiche meno conosciute ma comunque significative. Viene descritta la storia di fabbriche come la Raketa, la Chaika, la Zarja e la Molnija, e i loro contributi unici all’orologeria sovietica. Il capitolo esplora anche le peculiarità di ciascuna fabbrica e i modelli distintivi che produssero.

Capitolo 9: Dopo Kruscev

Il nono capitolo analizza le trasformazioni nell’industria orologiera sovietica dopo la caduta di Kruscev. Viene esaminato come le politiche di Brezhnev influenzarono la produzione e lo sviluppo tecnologico. Questo capitolo descrive anche i nuovi modelli introdotti durante questo periodo e le sfide affrontate dall’industria.

Capitolo 10: Orologi degli Anni ’70

Il decimo capitolo si concentra sugli orologi prodotti negli anni ’70, un periodo di innovazione e diversificazione. Vengono descritti modelli iconici come il Raketa Copernicus e il Poljot Okean. Il capitolo esamina anche le tendenze di design e le tecnologie emergenti di questo decennio.

Capitolo 11: Orologi degli Anni ’80

Questo capitolo esplora gli sviluppi nell’orologeria sovietica durante gli anni ’80. Viene descritta l’influenza delle Olimpiadi di Mosca del 1980 sugli orologi prodotti e come gli eventi politici e sociali di questo periodo influenzarono l’industria. Modelli come il Poljot e il Vostok sono discussi in dettaglio.

Capitolo 12: Navicelle e Stazioni Spaziali

Il dodicesimo capitolo offre una panoramica sulle missioni spaziali sovietiche e sugli orologi utilizzati a bordo delle navicelle e delle stazioni spaziali. Viene descritto il ruolo degli orologi nella cronometrazione e nel coordinamento delle missioni spaziali, evidenziando l’importanza della precisione e affidabilità.

Capitolo 13: Epilogo

L’ultimo capitolo, “Epilogo”, riassume le principali tematiche trattate nel libro e riflette sull’eredità dell’orologeria sovietica. Viene discussa la rilevanza storica e culturale degli orologi sovietici e il loro posto nel collezionismo moderno. Il capitolo conclude con considerazioni sull’importanza di preservare questa eredità storica.

Un Libro Essenziale per gli Appassionati

La recensione del libro è decisamente positiva. “Il tempo nello spazio” è considerato ben scritto e coinvolgente, fornendo non solo dettagli tecnici sugli orologi, ma anche una ricca narrazione storica che contestualizza l’evoluzione tecnologica nell’ambito delle avventure spaziali sovietiche. Questo libro non dovrebbe mancare nella libreria di un appassionato di orologeria russa e sovietica, specialmente per chi ha un interesse specifico nelle storie di avventure e nella corsa allo spazio.

Gli Orologi Sovietici: Un Fascino Unico

Uno degli aspetti più affascinanti del libro è la descrizione degli orologi russi, noti per la loro robustezza e precisione. Questi orologi, offerti a prezzi accessibili, sono stati i primi a uscire dall’atmosfera terrestre, accompagnando astronauti come Gagarin e Leonov nelle loro storiche missioni.

Conclusione

“Il tempo nello spazio” di Anna Pegna è un’opera che offre una prospettiva unica sull’orologeria sovietica e sulle imprese spaziali del Novecento. Anche se fuori catalogo, questo libro rimane un tesoro per collezionisti e appassionati, rappresentando un pezzo di storia che combina ingegneria, avventura e storia militare. Se non hai ancora letto questo libro, la sua ricerca e acquisizione sono un investimento che arricchirà sicuramente la tua comprensione e apprezzamento per l’orologeria russa e sovietica.

Orologi Vremia: Fascino Sovietico e Qualità Europea

swiss watch Vremia Chrono black

Gli orologi Vremia, conosciuti anche come Vremja (in cirillico время), sono un esempio affascinante di come la collaborazione internazionale possa dare vita a prodotti unici e di alta qualità. Questi orologi nacquero alla fine degli anni ’80, grazie all’azienda italiana Binda, con l’obiettivo di sfruttare la crescente popolarità della cultura sovietica in Occidente.

swiss watch Vremia CCCP
Vremia CCCP

La Nascita del Marchio Vremia

Il marchio BPEMR (BPEMA) CCCP venne ufficialmente registrato il 24 marzo 1989, durante un periodo di apertura commerciale dell’URSS sotto la guida di Gorbaciov. Questa apertura permise l’esportazione di vari prodotti sovietici nei mercati occidentali, dove trovarono un’accoglienza entusiastica grazie al loro fascino esotico e alla qualità robusta.

swiss russian watch vremia
Vremia Red Zero

Caratteristiche degli Orologi Vremia

Gli orologi Vremia si distinguono per una gamma di modelli con movimenti meccanici affidabili, come lo Slava 2414, il Poljot 2612.1 e il Poljot 3133. I loro quadranti, essenziali e puliti, incarnano lo stile sovietico dell’epoca. Alcuni modelli presentano simboli distintivi, come la Stella Rossa, mentre altri sono più sobri, con una piccola scritta “cccp” al centro del quadrante.

swiss watch Vremia Chrono black
Vremia Chrono black

Binda: Il Cuore Italiano degli Orologi Vremia

Fondata nel 1906 da Innocente Binda, l’azienda Binda ha giocato un ruolo cruciale nel settore degli orologi per oltre un secolo. Sotto la guida dei nipoti Simone e Marcello Binda, l’azienda continua a produrre e distribuire orologi di alta qualità. Binda Italia è conosciuta per la sua capacità di combinare design innovativo e tecnologie avanzate, presidiando diverse fasce di mercato con prodotti che spaziano dai modelli fashion a quelli più classici e tecnici, inclusi orologi “Swiss Made”.

swiss russian watch Vremia Pocket
Vremia Pocket watch

L’Unicità degli Orologi Vremia

Gli orologi Vremia rappresentano una perfetta fusione tra la tradizione russa e l’artigianato occidentale. Il modello “zerone rosso” è un esempio emblematico di questo mix, con un design che avrebbe potuto essere tranquillamente prodotto da Poljot. Anche i modelli solo tempo e svegliarini sono molto apprezzati per la loro qualità e design.

Questi orologi sono un vero e proprio ibrido: costruzione italiana con meccanica russa. Pur essendo adattati al mercato italiano, conservano un fascino unico che li distingue dai tradizionali orologi russi. Nonostante le critiche dei puristi, gli orologi Vremia offrono un valore eccezionale, con prezzi accessibili che si aggirano tra i 100 e i 150 euro.

russian watch Vremia B&W
Vremia B&W

Dettagli Unici sul Fondello

Un dettaglio distintivo degli orologi Vremia è la scritta incisa sul fondello, che recita:

“Часы собранные в Швейцарии, двигатель механический подлинный русского производства. Movimento meccanico originale prodotto in Russia, orologio assemblato in Svizzera.”

Questa dicitura evidenzia la combinazione di meccanica russa e assemblaggio svizzero, garantendo l’autenticità e l’alta qualità di questi orologi.

swiss watch Vremia Red star white dial
Vremia Red star white dial

Conclusione

Gli orologi Vremia sono un capitolo affascinante nella storia dell’orologeria, caratterizzati da un mix unico di estetica sovietica e qualità europea. Grazie all’iniziativa dell’azienda Binda, questi orologi riflettono il meglio di due mondi, combinando design accattivante con elevati standard qualitativi. Un vero tesoro per gli appassionati di orologeria che cercano qualcosa di unico e significativo.

0 Item | 0,00 
View Cart
Verified by MonsterInsights